Molestie in strada, parla l’extracomunitario che ha salvato Gaia

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:54
violenza sessuale
(Websource/archivio)

Parla l’extracomunitario che ha salvato Gaia Guarnotta, la ragazza che aveva reso noto pubblicamente attraverso Facebook di aver subito un tentativo di violenza sessuale da parte addirittura di 25 ragazzi, tutti italiani e tutti in preda ai fumi dell’alcol. L’uomo si chiama Hossain Alamgir, ha 58 anni e vive in Italia dal 2005, da quando cioè lasciò il Bangladesh, suo Paese d’origine, per cercare di migliorare la propria situazione. Da allora è di stanza a Firenze dove tutte le sere si guadagna da vivere vendendo rose in piazza della Repubblica, sempre con il sorriso in volto. Hossain comincia mostrando la foto di Gaia, livornese: “Mi ha regalato la sua fototessera tre giorni fa, dicendomi di tenerla affinché mi ricordassi per sempre della ragazza che ho salvato”. Hossain dice poi come è nato il tutto: “Mi trovavo in piazza come al solito, quando ho notato un folto gruppo di giovani tutti evidentemente ubriachi che avevano circondato la ragazza. Sulle prime scherzavano e ridevano, ma la cosa è andata rapidamente in crescendo, e Gaia ben presto si è spaventata. Non capivo bene cosa stesse succedendo all’inizio, ma poi ho visto il suo dolce visino davvero impaurito e mi sono avvicinato. Erano in molti”.

Violenza sessuale sventata, il salvatore di Gaia denuncia: “Succede spesso”

Hossain si è armato di tutto il suo coraggio avvicinandosi a Gaia, facendole scudo mentre tutt’intorno piovevano insulti nei confronti della povera vittima, e della peggior specie. L’uomo continua il proprio racconto: “Più volte ho detto a quegli scalmanati di lasciarla stare, poi ho preso la ragazza per un braccio e l’ho portata via. Ci siamo allontanati da piazza della Repubblica e lei piangeva a dirotto. Le ho porto un fazzoletto ma lei continuava, era molto scossa da quella aggressione improvvisa. Ad essere sincero, non è la prima volta che assisto a situazioni nelle quali i giovani creano disagi anche notevoli di sera dopo aver bevuto. È un problema ormai noto”. Hossain poi ha condotto Gaia con tutta la delicatezza di cui è stato capace, aspettando che si calmasse il giusto. Poi le ha offerto da mangiare e le ha donato una rosa. Gaia si è fatta venire a prendere da degli amici, ma prima di lasciare il suo salvatore gli ha regalato commossa una sua fototessera, dicendogli di tenerla sempre con se.

S.L.