Trans violenta una bimba di 10 anni in un bagno pubblico

trans
Miguel (Michelle) Martinez (Daily Mail)

Miguel Martinez di Casper, in Wyoming, negli Usa, meglio noto negli ultimi anni come Michelle, è un transgender che si è reso colpevole di un crimine atroce. Il trans ha infatti portato in un bagno di un locale pubblico una bambina di soli 10 anni e poi ha abusato sessualmente di lei. Il trans, un amico di famiglia e in particolare della mamma della bambina, le ha dapprima toccato il seno e i genitali e poi l’ha penetrata violentandola senza alcuna pietà. E’ quanto ha raccontato la giovanissima vittima alla madre e poi alla polizia che ha arrestato immediatamente Michelle. Martinez ora dovrà rispondere di violenza sessuale su minore aggravata e rischia fino a 70 anni di carcere.

Il trans si dichiara innocente e sostiene che la bambina si sia inventata tutto. In realtà gli esami medici ai quali è stata sottoposta la piccola hanno dimostrato abrasioni e lacerazioni nei genitali che provano l’avvenuta violenza sessuale. Stando a quanto si apprende Martinez avrebbe agito anche sotto l’effetto di alcol e forse di droghe. Una condizione che di certo non attenua la sua posizione, ma che anzi fungerà da aggravante. Inoltre, come se tutto ciò non bastasse, pare che durante l’interrogatorio Martinez abbia dato in escandescenza prendendosela coi poliziotti e accusando la bambina di essere una bugiarda e di aver agito come un’attrice.

F.B.