Si scontra contro un furgone, ventenne muore davanti al padre

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:41
Furgone
(Websource/Archivio)

Questa mattina, intorno alle 12:30, uno scontro tra una moto ed un furgone è stato fatale ad un ragazzo di appena 20 anni, Stefano Cocoi: lo scontro si è verificato sulla via Casilina, ad altezza di via Ponte della Catena, non distante dalla fermata della metro ‘Fontana Candida’ a Roma. Subito dopo il sinistro, il conducente del furgone si è fermato a prestare soccorso ed ha chiamato il 118. L’ambulanza è arrivata dopo pochi minuti, ma la corsa al policlinico di Tor Vergata si è rivelata vana, il giovane, infatti, è morto poco dopo essere stato ricoverato in ospedale (il decesso è stato registrato alle 17:30).

Sul luogo dell’incidente si sono recate alcune pattuglie dei vigili urbani del gruppo VI per effettuare i rilevamenti del caso e ricostruire la dinamica del sinistro. Secondo quanto riferito dal padre della vittima, che si trovava subito dietro al figlio, il ragazzo sarebbe stato colpito in pieno da un furgone. Non è chiaro, però, se l’incidente sia stato causato dal mancato rispetto della precedenza da parte del guidatore del furgone o da parte del centauro. Le indagini sull’incidente non necessitano di ulteriori esami sul cadavere del ragazzo, dunque, presto la salma sarà messa a disposizione della famiglia che si potrà occupare del funerale.

La tragica morte di Stefano segue di un solo giorno quella del coetaneo Simone Pellegrino, morto nella giornata di ieri in circostanze simili: il ragazzo si trovava in una strada vicino Pomezia, all’altezza dei Castelli Romani quando, all’improvviso, un’auto ha svoltato tagliando la corsia che stava percorrendo ed il ragazzo non è stato in grado di fermare la sua corsa andando ad impattare l’auto frontalmente. Il giovane è morto sul colpo, ma il suo corpo è stato comunque trasferito all’ospedale di Tor Vergata dove rimarrà finché l’autorità giudiziaria non avrà concluso l’indagine sul sinistro.

F.S.