Esselunga offre 100 posti di lavoro: “La crisi non è finita”

Esselunga
(Websource/archivio)

Esselunga, l’impero dei supermercati fondato da Bernardo Caprotti, ha dato il via già da tempo all’iniziativa dei Job Day che, come si legge sul sito sono “eventi a numero chiuso a cui si accede solo tramite invito a seguito della registrazione effettuata compilando il form finalizzati alla ricerca e selezione di personale”. Quello che più impressiona è il numero di persone che ha aderito nell’ultimo anno a questa iniziativa, un numero che dà bene l’idea di quanto bisogno di lavoro ci sia in Italia.

Nell’ultimo anno Esselunga ha aperto 100 posizioni e per quei posti sono arrivate 200mila candidature. Giusto per fare un esempio nell’ultimo JobDay sono arrivate 10mila candidature e in 1.200 hanno sostenuto un colloquio. Molti cercano un lavoro al di là di quale esso sia, ma va detto che spesso Esselunga ricerca personale qualificato per ruoli importanti come quello di “responsabile di negozio”. Ciò che spinge tanti italiani a candidarsi per Esselunga non è solo la fame di lavoro, ma anche un dato molto confortante. Il 90% di coloro che sono stati assunti con questo metodo hanno poi mantenuto il loro posto di lavoro negli anni, facendo carriera e aumentano il livello dei loro salari.

F.B.