Pensa che il marito la tradisca, la verità è molto più atroce

marito
(The Sun)

Quando ha capito di avere un’infezione genitale con delle verruche apparse sulla sua vagina è balzata subito ad una conclusione: mio marito mi tradisce e mi ha anche passato una malattia sessualmente trasmissibile. La verità era un’altra ed era, incredibile a dirsi, ben peggiore di quella di un ipotetico tradimento. Helen, la protagonista di questa drammatica storia, ora ha 43 anni. Ma all’epoca aveva appena compiuto i 30 e di certo non poteva immaginare cosa significasse quell’infezione nelle parti intime. Dopo alcuni esami l’atroce diagnosi: neoplasia intraepiteliale vulvare, una condizione che, come nel caso sfortunato di Helen, può portare al tumore alla vagina.

Da quel momento ad Helen è crollato il mondo addosso. E’ lei stessa a raccontare quei giorni: “Ero davvero convinta di avere soltanto un herpes vaginale e per questo ho subito accusato il mio fidanzato di avermi tradita. Poi ho scoperto la tremenda verità. La neoplasia poteva anche non trasformarsi in cancro. Mi sono sottoposta a dolorose operazioni di asportazione delle cellule pre cancerose dalla mia vagina e ho subito dolori inimmaginabili. Ogni sei mesi venivo sottoposta a controlli e ogni anno ad un’operazione chirurgica di rimozione. Ogni volta un pezzo sempre più grande della mia vulva veniva asportata e il mio dolore era sia fisico che emotivo e psichico. Era in sostanza una costante battaglia contro il tempo e contro il tumore per anticiparlo e sconfiggerlo in partenza”.

Dopo anni di queste operazioni nel 2012 Helen ha dovuto ricevere la peggiore delle notizie. Nonostante tutto il cancro alla vagina era arrivato. Si tratta di uno dei tumori ginecologici meno frequenti. Nell’aprile del 2013 Helen si è sottoposta all’operazione di asportazione del tumore. “La chemio non è stata necessaria, almeno per il momento – spiega Helen -. Però devo sottopormi ad altre operazioni chirurgiche e continui controlli medici. Il momento più doloroso è quando mi viene il ciclo. Ma ho accettato quel dolore e cerco di vivere una vita il più normale possibile”.

F.B.