Sta tornando a casa dal lavoro: travolto e ucciso in sella allo scooter

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:18
Manuel Verdolin
Manuel Verdolin (Facebook)

L’ennesima tragedia della strada e la vittima ancora una volta è un giovanissimo in sella a un mezzo a due ruote: Manuel Verdolin è morto a San Giovanni Lupatoto, nel veronese. Il suo scooter è stato travolto da una Seat Leon, guidata da un 34enne residente del posto. Per soccorrere il 19enne, sono giunti i soccorsi del Suem 118 dalla vicinissima sede del Policlinico di Borgo Roma. Ma l’impatto era stato troppo violento e per Manuel Verdolin ormai non c’era più nulla da fare. I sanitari hanno potuto solo constatarne il decesso. Ancora poco chiara resta la dinamica del tremendo sinistro, quasi sicuramente un frontale. L’ipotesi più probabile sembra essere quella che l’autista della Seat stesse svoltando alla ricerca di un parcheggio.

Manuel Verdolin da qualche settimana lavorava come commesso al Famila del Saval e probabilmente arrivava proprio dal supermercato. Sul luogo dell’incidente mortale sono giunti i genitori, devastati dal dolore. Uno dei presenti ha raccontato: “Con Manuel ci avevo parlato in questi giorni. Avrebbe dovuto andare a comprare la sua prima auto. Aveva preso la patente da poco”. Scioccato il commento di un conoscente su Facebook: “Oggi sono in una marea di lacrime. Conosco la famiglia e il ragazzo, conoscevo…”. Il Presidente del Lupatoto, Daniele Perbellini, ha invece voluto scrivere un messaggio struggente: “Mi rivolgo ai vostri vent’anni, alla vostra splendida età. Mi state ascoltando perché un vostro compagno se ne è andato, lasciando un grande vuoto a chi gli voleva bene. Queste disgrazie dovrebbero servire a raccomandare a voi la massima prudenza sulle strade e soprattutto la massima attenzione agli altri, che guidano distratti, ubriachi o anche drogati. Non basta una condanna della giustizia, non basta un torneo per ricordare un giovane che se ne va. Resta solo un grande vuoto e la disperazione della famiglia e dei compagni. Adesso giocate sereni, anche per Manuel che vi sta guardando dal Cielo”.

Nelle stesse ore, un altro dramma sulle due ruote: ieri sera, uno scontro tra la moto, un Husqvarna 450, condotta dal diciottenne Giosué Spera e un’auto, una Citroen Berlingo, è avvenuto all’altezza dello svincolo che conduce dalla statale 76 all’ingresso di Pianello Vallesina (Ancona). Secondo una prima ricostruzione (la dinamica è ancora al vaglio dei vigili urbani) il ragazzo originario di Monte Roberto avrebbe perso il controllo del mezzo a due ruote non riuscendo ad evitare l’impatto con l’auto. Giosué Spera non ce l’ha fatta.

GM