disfunzione erettile

(Websource/archivio)

La disfunzione erettile è una patologia che può avere spiacevoli risvolti anche psicologici oltre che fisici. Ma per chi ne è affetto è in attivo una novità basata sull’utilizzo delle onde d’urto a bassa intensità. Si tratta di un nuovo metodo di cura che non comporta alcun effetto collaterale, è rapido, per nulla invasivo e dura pochissimo. I risultati tratti dai test condotti dalla Società Italiana di Andrologia (Sia) hanno dato esiti brillanti. I dottori hanno condotto nello specifico degli esami su circa 100 pazienti, ottenendo un riscontro positivo del 70% su pazienti di livello medio/grave affetti da disfunzione erettile. In Italia le persone che ne sono colpite si attestano sugli oltre 3 milioni, ed un terzo circa presenta una forma lieve o moderata. Altre osservazioni condotte hanno portato all’emergere di un miglioramento in circa il 40% dei casi di pazienti colpiti invece da forme più acute di disfunzione erettile. I test proseguono da oltre un anno su individui compresi in una larga fascia di età che va dai 18 ai 65 anni in diversi centri ospedalieri od universitari dislocati a Napoli, Bari, Firenze e Trieste.

Disfunzione erettile, come funziona il metodo delle onde d’urto

Attualmente i farmaci deputati a contrastare la disfunzione erettile non mostrano una simile capacità di progresso, a differenza di questa nuova terapia basata sulle onde d’urto, come fa sapere il dottor Alessandro Palmieri, presidente di Sia e che ha coordinato lo studio in questione: “Con questo metodo viene ristabilito il meccanismo alla base dell’erezione, con conseguente ritorno di una sessualità naturale, con tutti i benefici del caso, anche mentali. Non risulta più necessario dover programmare i rapporti. Ad ogni modo è un qualcosa ancora in divenire, che andrà perfezionato prima di poter essere adottato su larga scala”. I trattamenti con le onde d’urto erano stati adottati già diversi anni fa per la cura di altre patologie, come la calcolosi renale. Il loro effetto viene messo in pratica attraverso determinate apparecchiature da appoggiare sulla parte del corpo da trattare. Ogni seduta dura sui dieci minuti e nel dettaglio si apprende che ne sono sufficienti sei per arrivare ad ottenere i risultati sperati. L’effetto delle onde è in grado di stimolare la crescita di nuovi vasi sanguigni e ristabilendo una normale circolazione. Giusto un anno fa era giunta un’altra importante novità in relazione a chi è colpito da disfunzione erettile.

S.L.