Influenza, nel 2018 arriverà la forma più aggressiva degli ultimi anni

influenza
(Websource/archivio)

Secondo i media australiani, l’influenza che contraddistinguerà la stagione invernale a cavallo tra 2017 e 2018 sarà ricordata come la peggiore degli ultimi decenni. E questo a causa della presenza in contemporanea di tre ceppi del virus portatore della malattia. Si tratta nello specifico del ceppo A (H3N2) e di altre varianti di recente formazione: i ceppi A e B (A/Brisbane e B/Florida). L’affermazione della stampa australiana giunge dopo aver osservato un aumento considerevole dei casi di influenza durante lo scorso inverno, terminato a settembre, quando da noi è scattato l’autunno. Nell’altro emisfero c’è stata una impennata verso l’alto dei contagiati, e secondo i virologi la situazione si ripeterà anche nelle prossime settimane in Europa, dove il virus starebbe viaggiando.

L’influenza diventerà più aggressiva, ecco come premunirsi

Il picco dell’influenza è previsto come ogni anno principalmente dopo le festività natalizie, con il sorgere del nuovo anno. I medici consigliano come prima precauzione per non contrarre la malattia quella di sottoporsi a vaccino, soprattutto per chi fa parte delle fasce di soggetti più considerate a rischio, come bambini ed anziani. Il periodo per vaccinarsi coincide proprio con questi giorni e si protrarrà fino a dicembre, e per le categorie maggiormente esposte alla possibilità di contrarre l’influenza è una cosa del tutto gratuita. Ma c’è un’altra problematica che ha destato preoccupazioni anche maggiori nelle scorse settimane e che riguarda un aumento dei casi di diffusione di epatite B. Intanto proprio in questi giorni si comincia ad assistere a delle grosse novità in farmacia, con il taglio di prezzi di alcuni farmaci anche molto conosciuti, che a causa della scadenza delle licenze sono da considerare ormai come dei prodotti generici.

S.L.