La storia della giovanissima Laura mette i brividi. E’ un dramma famigliare che ora viene raccontato dalla mamma della bimba morta a soli 12 anni per mano di suo padre. La donna, Giovanna Zizzo, racconta di come suo marito Roberto Russo, abbia accoltellato la figlia nel sonno nella sua casa di San Giovanni La Punta in provincia di Catania. Era il 22 agosto 2014 e quella era l’assurda e tremenda vendetta perché avevano scoperto una sua relazione extraconiugale.

“Laura è stata colpita quattro volte al centro del petto. E’ morta dissanguata. Avrebbe dovuto prendersela con me se aveva più forza e coraggio, anziché essere un codardo. Un padre che colpisce la bambina nel sonno non ha aggettivi che possano definirlo” spiega la madre.

L’uomo accoltellò la figlia mentre stava dormendo accanto alla sorella di 14 anni. Provò ad uccidere anche lei senza riuscirci. Laura morì qualche ora dopo l’accoltellamento per dissanguamento. Il padre venne arrestato e poi condannato all’ergastolo in primo grado.

“Il giorno della sentenza – racconta la mamma – ho alzato gli occhi al cielo e ho sentito Laura che mi diceva ‘Evvai mamma, ce l’abbiamo fatta’. Ho pianto tantissimo e poi mi sono resa conto che questa sentenza non mi ha portato niente. La cosa più importante non me la riporterà più nessuno. Lui voleva uccidere le bimbe per punire me, perché non avevo perdonato quello che aveva fatto alla nostra famiglia. Le bimbe avevano scoperto su Facebook che lui aveva questa  “amica” da sette anni. Mi ha detto che era solo un’amica. Invece di prendersela con me se l’è presa con loro”.

La mattina dell’omicidio io e lui avevamo parlato per più di tre ore, ci eravamo chiariti, avevamo pianto, ci eravamo abbracciati e chiesti scusa a vicenda. Quindi io ero del tutto tranquilla. Marika (la figlia scampata all’omicidio, n.d.r.) mi dice sempre: ‘Mamma ho visto papà trasformarsi in un mostro. Io chiedo a Laura di continuare a darmi la forza per respirare ogni giorno, per alzarmi dal letto e per continuare a lottare. Mi manca troppo”.

Laura Russo

Laura Russo (Websource/archivio)

F.B.