Berlusconi contro il M5S: “Con loro avremo tasse a dismisura”

Berlusconi
(Websource/archivio)

Silvio Berlusconi carica il centrodestra ad una settimana di distanza dall’elezione del suo rappresentante Nello Musumeci alle Presidenziali della Regione Sicilia. L’ex Premier parla dalle colonne di ‘Quotidiano Nazionale’: “Da parte mia ho notato un tentativo di strumentalizzare la recente polemica tra Consob e Bankitalia a scopo elettorale, e questo da più parti. Ci dovrebbe essere il buonsenso da parte di tutti invece, visto che si tratta di una questione molto delicata e che ha messo a repentaglio, finendo poi in larga parte con il distruggerli, i risparmi di tantissimi italiani. Litigare per stabilire di chi sia la colpa è sbagliato – afferma Berlusconi – e non certo il modo giusto per porre un problema alla vicenda. Per trovare i responsabili occorre fare alto”. Berlusconi difende Mario Draghi, presidente della Banca Centrale Europea, tirato in ballo nella querelle: “Fare il suo nome così alla leggera è un atteggiamento irresponsabile. A lui dobbiamo dire grazie se l’economia italiana si è stabilizzata e c’è ancora l’euro”. Sulla vittoria di Musumeci in Sicilia: “È la dimostrazione che quando il centrodestra è unito e coeso può fare la differenza. Forza Italia ed i moderati sono stati premiati. Su Sergio Pirozzi (il sindaco di Amatrice che ha espresso la propria volontà di candidarsi alle Regionali del Lazio) non mi esprimo” .

Berlusconi contro il M5S: “Con loro avremo solo tasse”

Berlusconi non risparmia infine un durissimo attacco al Movimento 5 Stelle, che lui stesso considera il principale competitor in vista delle future elezioni amministrative: “È un movimento ribellista, giustizialista, pauperista, e dare il potere ai suoi rappresentanti significherebbe condurre l’Italia alla rovina certa. Prevedo un aumento di tasse a spese degli italiani senza precedenti, in tal caso. Ma per evitare tutto ciò basta pensare ai guai che stanno facendo nelle città dove sono al governo. Cosa ci si può attendere da persone che non hanno preparazione politica e non hanno mai fatto niente nella vita? I Cinque Stelle non hanno amministrato mai neanche un condominio, ed ora non avendo un lavoro tentano di vivere di politica. Pur di avere un vitalizio sono disposti a qualunque compromesso”.

S.L.