Neonato morto nell’incidente: il padre era al telefono

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:43
neonato
(Websource/archivio)

Proseguono le indagini della polizia locale in merito al terribile incidente stradale avvenuto domenica scorsa su viale Enrico Fermi a Monza, la strada che dal capoluogo brianzolo porta a Sesto San Giovanni. Lo schianto della Fiat Punto ha provocato la morte di un neonato che aveva un solo mese di vita e il ferimento dei suoi genitori: il padre Andres Vicente Pillajo, 20 anni e la madre Maria Ana Pillajo, 19 anni. In base alle prime ricostruzioni si era ipotizzato di come l’uomo avesse perso il controllo del mezzo sbandando e finendo per andare a sbattere violentemente contro il guard rail. Il piccolino, sbalzato fuori dalla sua cullina era stato estratto dalle lamiere dai vigili del fuoco ma era poi arrivato già morto all’ospedale San Gerardo di Monza.

Ora gli inquirenti hanno acquisito e visionato le immagini fornite dalle telecamere di sicurezza presenti in quella zona. Viene confermato che l’incidente dell’auto non ha visto il coinvolgimento di nessun altro mezzo. Ma emerge anche un’ipotesi davvero inquietante. Non è chiarissimo dalle immagini a disposizione, ma potrebbe essere altamente probabile che il padre del piccolino morto fosse al telefono mentre era alla guida e abbia sbandato proprio per un momento di distrazione dovuto allo smartphone. La conferma definitiva di questa sconcertante possibilità arriverà dall’incrocio delle immagini con i dati dei tabulati telefonici che riveleranno senza possibilità di smentita la verità in merito.

Al momento e al di là di questo dettaglio ovviamente molto rilevante  Andres Vicente Pillajo rimane indagato per omicidio colposo e lesioni. L’uomo è ancora ricoverato in prognosi riservata presso l’ospedale Niguarda di Milano.

F.B.