Morte di Renata Rapposelli, lapsus del figlio Simone in un’intervista

Renata Rapposelli
(Websource/Archivio)

Renata Rapposelli era scomparsa lo scorso 9 ottobre senza lasciare alcuna traccia. Sin dal primo momento il racconto fornito dai parenti prossimi sul giorno precedente alla sparizione aveva allertato le forze dell’ordine, convinte che sia l’ex marito che il figlio potessero nascondere qualcosa. Il 3 novembre il pm Andrea Laurino ha aperto un indagine per concorso in omicidio ai danni di Simone e Giuseppe Santoleri (rispettivamente il figlio e l’ex marito) sostenendo che ad un mese di distanza dal giorno in cui la Rapposelli era svanita, l’ipotesi più probabile fosse proprio quella dell’omicidio.

I sospetti del pm sono divenuti una triste realtà quando nei pressi del fiume Chienti, in provincia di Macerata, è stato trovato il cadavere di una donna. Dal primo riscontro non si poteva asserire con certezza che si trattava di quello della pittrice scomparsa (il corpo era in uno stato avanzato di decomposizione), ma i vestiti che portava indosso erano gli stessi che Renata Rapposelli portava il giorno della scomparsa. L’esame autoptico ha malauguratamente confermato che il cadavere trovato era quello della pittrice scomparsa, adesso, dunque, non resta che trovare prove che indirizzino la polizia ai colpevoli.

I principali sospetti per la morte di Renata Rapposelli rimangono il figlio Simone e l’ex Marito Giuseppe. A sostegno di questa ipotesi è stata ripescata un’intervista che il figlio della pittrice aveva rilasciato al programma di Rai 3 ‘Chi l’ha visto?’ giorni prima del ritrovamento del cadavere. L’uomo si lamenta del fatto che la madre non si sia comportata come tale nemmeno una volta quindi, parlando delle indagini, si lascia scappare un lapsus confondendo il nome della località dal quale il maresciallo dei Carabinieri lo aveva chiamato: “Un giorno mi arriva una chiamata: ‘Pronto sono il maresciallo della caserma di Cingoli’, mi viene Chienti non so perché…”. Questa casualità, unita al fatto che i due avevano da sempre un rapporto difficile ha spostato ulteriormente i sospetti su di lui.

F.S.