Mamma gira un video intimo e lo manda alla chat della scuola

(Websource/archivio)

Alle volte leggendo le notizie che arrivano ogni giorno viene da chiedersi quanti siano i problemi e i danni causati dalle tecnologie alle nostre vite e in particolar modo alla nostra privacy. Certo alle volte basterebbe prestare un po’ di attenzione, ma non è evidentemente ciò che ha fatto la mamma protagonista della nostra storia.

La donna residente a Viareggio ha registrato col proprio smartphone un video in cui lei si masturba. Un filmato molto esplicito e inequivocabile, lungo circa 30 secondi e girato nel bagno di casa sua. Fin qui verrebbe da dire: fatti suoi. Peccato che la donna, nel tentativo di mandare il video a qualcuno, si presume il marito, abbia sbagliato chat di Whatsapp e abbia inviato il file in quella che raggruppa i genitori della scuola di suo figlio. Come sempre in questi casi qualcuno ha pensato bene di condividere immediatamente il video su altre chat e sui social network e nel giro di qualche ora tutta Viareggio sapeva dell’esistenza o aveva già visto il video in questione. Alcune sue amiche l’hanno subito avvisata dell’errore, ma ormai la frittata era fatta.

La donna insieme al marito si sarebbe poi rivolta alla polizia per sporgere denuncia contro chi ha diffuso quel video. Al momento si indaga contro ignoti, ma vista anche la tempestività dell’intervento non dovrebbe essere difficile risalire a chi per primo ha condiviso quel video.

E’ notizia di oggi sempre a proposito di video di un filmato girato nel liceo Virgilio di Roma di due studenti che fanno sesso in bagno. Anche questo condiviso su Whatsapp è subito diventato virale. In questo caso però non è stato un loro errore, ma l’opera di qualcuno che li ha ripresi a loro insaputa.

F.B.