Le diagnosticano stress: muore a 14 anni per un aneurisma

aneurisma
(websource/archivio)

I medici del Pronto soccorso dell’Ospedale Pertini di Roma le avevano diagnosticato solo un forte stress, ma la 14enne stava davvero male e dopo ore di calvario è morta. La causa era un aneurisma cerebrale. I fatti risalgono al 6 novembre scorso e la 14enne era stata anche portata in un altro nosocomio. Ora la Procura di Roma ha deciso di vederci chiaro e ha aperto un fascicolo di indagine, al momento contro ignoti. L’accusa è di omicidio colposo. La denuncia arriva dall’avvocato della famiglia, Giuseppe Rombolà.

Secondo il legale, la ragazzina si è sentita male poco dopo essere entrata a scuola, al liceo classico Orazio. L’avvocato ha spiegato: “È stata subito chiamata l’ambulanza che in codice giallo ha trasportato la ragazza all’ospedale Pertini”. Arriva anche la mamma della 14enne, che per un paio d’ore viene tenuta sotto osservazione. I medici “dicono alla madre che è stress e solo dopo insistenze fanno una tac dalla quale emerge l’aneurisma”. In ogni caso, la 14enne non viene sottoposta a intervento d’urgenza e anzi la portano al Bambino Gesù in ambulanza. Qui giunge “dopo un’ora in condizioni disperate e dopo un disperato intervento chirurgico muore”.

Nelle scorse settimane, vi abbiamo raccontato il dramma della piccola Ambra, di appena otto anni. La bambina si trovava al parco giochi di via Liberato a Rieti quando improvvisamente mentre si stava divertendo sotto gli occhi della madre si è sentita male. La donna, forse non comprendendo immediatamente la gravità della situazione, ha portato a casa la figlia. Una volta lì si è resa conto del dramma in atto e ha subito chiamato l’ambulanza del 118. Ambra a quel punto è stata trasportata in elicottero da Rieti all’ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma dove è arrivata già in condizioni disperate. La piccola era stata colpita da un aneurisma che non le ha lasciato scampo.

GM