(Websource/archivio)

Kim e il nucleare. Un binomio ormai dichiarato da tempo. La Corea del Nord sembra essere uno dei veri problemi da combattere o quanto meno, da tenere sotto stretta osservazione. Ma dalle dichiarazioni dell’European Council on Foreign Relations (Ecfr), sembra che l’uso di missili nella testa di Pyongyang siano solo in caso di guerra ed esclusivamente per difesa. O meglio, li userebbe solo nel caso in cui, un qualsiasi nemico, faccia lo stesso nei confronti della sua nazione.

Secondo l’Ecfr, questo sarebbe l’elenco “preventivo” degli obiettivi da attaccare con missili nucleari: 1) territorio statunitense; 2) le più importanti città americane; 3) Manhattan; 4) la Casa Bianca; 5) il Pentagono; 6) le basi Usa nel Pacifico; 7) Guam, alle Hawaii; 8) portaerei nucleari Usa; 9) siti nel teatro sud coreano; 10) installazioni militari americane in Corea del Sud, Osan, Gunsan, Busan; 11) Pyeongtaek, Jungwon, Degu Gyeryongdae (località sud coreane); 12) Seul; 13) la Casa Blue, la residenza presidenziale del Sud e le “altre agenzie governative reazionarie”; 14) basi americane in Giappone e Okinawa; Yosuka, Misawa, Okinawa (località nipponiche); 15) il territorio giapponese nel suo complesso.

La strategia sembra essere ben chiare. Intimorire i nemici, produrre dubbi sulle sue vere intenzioni, confondere l’avversario e creare caos per nascondere le sue mosse. La Corea del Nord sembra convinta a tenersi stretta la sua nomea di Leadership e se come sembra, Washington volesse colpirla, la contro risposta sarebbe immediata e senza limite. Non ci sarebbe distinzione alcuna tra obiettivi civili e militari, tutto verrebbe raso al suolo.

Se gli Usa decidessero di iniziare il conflitto, sarebbero colpiti da ogni parte, con ogni tipo di mezzo. Per questo Pyongyang, oltre alla costruzione e ampliamento numerico dei missili nucleari, sta facendo fabbricare un sommergibile in grado di far partire missili a lunga gettata. Insomma, che dire, una vera e propria auto difesa che potrebbe portare a disastri mai visti fino ad ora. America stai calma, sembra dipendere tutto da te. Parola di Kim.

GVR