Genova: conflitto a fuoco tra Carabinieri e ladri

(Websource/archivio)

Attimi di puro terrore a Genova, sulla rampa autostradale di Pegli. Nel tentativo di fermare una vettura rubata ed in fuga, i carabinieri, su due pattuglie, hanno aperto un vero e proprio conflitto a fuoco. Almeno cinque sembrerebbero essere stati i colpi sparati dalle forze dell’ordine verso i malviventi. Imperterriti e senza alcuna voglia di arrendersi, i ladri sono riusciti ad urtare e mettere fuori causa una delle due auto dei carabinieri investendo poi un funzionario della legge. Feriti ben tre militari del 112 tra cui una donna portata d’urgenza in ospedale da un’autoambulanza accorsa sul posto. Non è in pericolo di vita.

Poco dopo l’auto rubata, è stata ritrovata, abbandonata sulla rampa dell’autostrada, senza però trovare alcuna traccia dei delinquenti, spariti nel nulla. Le ricerche sono partite in tutta la zona, con la massima attenzione e accortezza, dato che i fuggitivi sembrerebbero essere armati. Le ricerche sono arrivate fino alla zona del centro sportivo “Signorini” del Genoa Calcio. Tant’è che, una volta sentiti gli spari, la società ligure ha deciso di sospendere momentaneamente l’allenamento, in via cautelativa, per 15 minuti. Gli inquirenti sono alla ricerca di una autovettura Toyota Yaris, che trasporterebbe i rapinatori. Traffico bloccato per diverso tempo sulla rampa, ripreso poi successivamente a senso alternato.

Così ha raccontato l’accaduto al Secolo XIX un testimone oculare in piena agitazione: “Hanno sparato almeno 4 o 5 colpi (riferendosi ai Carabinieri) e poi ho visto altre persone con la pistola in mano, uno dei quali sembra essere scappato in direzione autostrada, sembra”.

GVR