Matteo muore a vent’anni: un terribile male non gli lascia scampo

Matteo Brontesi
Matteo Brontesi (Facebook)

E’ morto a soli 20 anni, ucciso da un male, Matteo Brontesi, un ragazzo di Montichiari, che ha lottato con tutte le sue forze, ma alla fine non ce l’ha fatta. Nei giorni scorsi, per il giovane era stata organizzata una maratona di preghiera: “Ognuno di noi non solo vuole essere forza e sostegno, ma è chiamato a diventare corpo orante che alza al Padre la propria supplica incessante per Matteo”. Purtroppo però il miracolo che in tanti speravano avvenisse non si è concretizzato. Il giovanissimo lascia nello sconforto i genitori, mamma Ornella e papà Mauro, e la sorella maggiore Laura, le nonne Piera e Ida. Matteo Brontesi aveva frequentato l’Itis Cerebotani di Lonato. Sono tanti gli amici che oggi lo piangono e non si fanno una ragione di questa prematura scomparsa.

I familiari di Matteo Brontesi ringraziano “il dottor Alberto Tagliapietra, il dottor Sergio Piotti, i medici e il personale del reparto Medicina dell’ospedale di Montichiari per le premurose cure e assistenza prestate”, chiedendo di sostenere la ricerca e invitando a effettuare donazioni all’associazione L’Alveare onlus. Nei giorni scorsi, non ce l’ha fatta Nicholas Candi, il ragazzo morto per le gravissime conseguenze di una grave malattia che lo aveva colpito nello scorso mese di gennaio. Dopo 11 mesi di strenua lotta il giovane è stato vinto dal male, pur non avendo mai smesso di lottare. Nicholas aveva 19 anni e viveva ad Ancona, dove nello scorso mese di settembre si era diplomato al liceo artistico ‘Edgardo Mannucci’.

GM

.