Uccisi dalla loro mamma: ieri l’addio ai piccoli Lorenzo e Kim

Antonella Barbieri
Antonella Barbieri (foto dal web)

Centinaia di persone in silenzio, tutte molto commosse, hanno partecipato ieri ai funerali dei piccoli Lorenzo e Kim, uccisi dalla mamma, Antonella Barbieri, nella chiesa parrocchiale di San Pietro, a Viadana. Cerimonia sommessa, con pochi fiori, perché la famiglia – e in particolare il padre, Andrea Benatti, ex campione di rugby – aveva chiesto offerte per la Croce Verde di Viadana per l’acquisto di un’ambulanza pediatrica. La cerimonia è stata officiata dal parroco visibilmente commosso don Antonio Censori, e concelebrata da diversi sacerdoti, tra cui don Emanuele Benatti, parente delle due piccole vittime.

E’ stato questi a spiegare che per i due bambini sarà “un Natale diverso, tra gli angeli a cantare per noi”. Poi ha chiesto di “pregare per il papà, in particolare per la mamma”. Antonella Barbieri, nelle scorse ore, è stata trasferita in una struttura carceraria, dall’ospedale dove era ferita dopo aver tentato il suicidio. Infatti, la donna era ricoverata nell’ospedale Santa Maria Nuova di Reggio, nel reparto di terapia intensiva. Gli inquirenti, che hanno formalizzato l’arresto alla presenza del suo avvocato, avevano riferito di alcune frasi deliranti pronunciate dalla donna e confermano che la Barbieri soffriva di depressione e manie persecutorie e da tempo era in cura psichiatrica per questi problemi. In un primo momento, Antonella Barbieri aveva rifiutato le cure, poi aveva cambiato idea.

 

GM