(Websource/archivio)

Di nuovo un fatto di cronaca che parla di incidenti stradali con vittime e per l’ennesima volta è una giovane vita che se ne va. Il fatale scontro è avvenuto nella zona di Quartuccio, nell’Hinterland cagliaritano, sulla nuova Strada Statale 554 al chilometro 18, nella notte tra il 25 e il 26 Dicembre. A farne le spese è stato Simone Meloni, giovane ragazzo di soli 24 anni. Viaggiava da solo a bordo della sua utilitaria, una Fiat Punto bianca, lo faceva ad alta velocità e da quanto risulta aveva preso la strada contromano prima di finire addosso un pilone del cavalcavia tra la statale 125 e la nuova 554. Uno schianto tremendo ed una causa ancora da trovare.

Tra le varie ipotesi, campeggia con insistenza quella del suicidio. Il ragazzo infatti, originario di Quartu Sant’Elena, separato e con due figli, potrebbe essersi tolto la vita. Era sparito da casa dopo il classico pranzo di Natale, senza dare spiegazioni ai famigliari, senza nessuna notizia nelle ore successive. Preoccupati e spaventati, i suoi genitori hanno iniziato a cercarlo senza riuscirci. Fonti locali recatesi sul posto dell’incidente, hanno fatto sapere che Simone ha addirittura chiamato la sua ex compagna rivelandogli di voler compiere quel folle gesto. Poco dopo, la sfrenata corsa a tutto gas finita con lo schianto contro quel pilone del cavalcavia già citato in precedenza. Ad informare le autorità dell’incidente è stato un automobilista di passaggio, alle 3 del mattino.

Polizia stradale, vigili del fuoco e un’ambulanza del 118 sono corse immediatamente sul luogo della tragedia ma per il giovane sardo non c’era più nulla da fare, i soccorsi sono stati resi vani e i sanitari non hanno potuto fare altro che constatarne il decesso. Sarà compito degli agenti della Stradale di fare chiarezza sul caso, per capire se davvero è stato un gesto volontario o soltanto un tragico incidente stradale. Nel frattempo la salma è stata portata all’obitorio del cimitero di Quartu e il magistrato dovrà decidere se autorizzare ulteriori accertamenti medico legali.

GVR