Bambina di 9 anni contrae una malattia letale in vacanza e muore

(Websource/Archivio)

C’è grande commozione e dolore a Fiesso, cittadina costiera in provincia di Venezia, per la scomparsa di Carlotta Trevisan, una bambina di 9 anni morta nella mattinata di ieri sul letto dell’ospedale di Padova in cui era ricoverata da quattro mesi. I primi sintomi del terribile male che ha colpito questa bambina si sono manifestati quando Carlotta ha fatto ritorno da una settimana di vacanza a Laggio di Cadore dov’era stata con il campo scuola della parrocchia. Era il 31 luglio e la piccola ha manifestato una violenta dissenteria ematica che ha convinto i genitori a portarla all’ospedale di Dolo per un controllo.

Dopo una rapida visita i medici le hanno diagnosticato una semplice gastroenterite e l’hanno mandata a casa con una cura. Il giorno seguente, però, la cura non solo non aveva fatto effetto ma le condizioni di Carlotta erano drasticamente peggiorate: la bambina non era più lucida e delirava. In preda al panico i coniugi Trevisan hanno portato la figlia nuovamente all’ospedale di Dolo, dove i medici hanno provveduto immediatamente a ricoverarla. Dopo la visita il primario, del reparto pediatrico ha ritenuto opportuno che la bambina venisse trasferita all’ospedale di Padova per ricevere un’assistenza più adeguata. Arrivata a Padova la piccola è stata sottoposta a controlli vari tra cui una risonanza magnetica che ha consentito di arrivare alla diagnosi corretta: si trattava di SEU, sindrome emolitico-urenica, causata da un raro virus che attacca reni, pareti intestinali e cervello danneggiandoli irrimediabilmente.

I successivi quattro mesi di degenza ospedaliera sono stati per Carlotta un martirio, la malattia l’aveva resa paralitica, incapace di esprimersi e nutrirsi. Nell’ultimo periodo le condizioni erano peggiorate ulteriormente fino alla morte pervenuta ieri mattina. La morte di Carlotta è giunta lo stesso giorno di quella di altre due bambina condannata da un destino avverso: Matilde, una bambina di due anni con una rara malattia genetica, e Elisa, una bambina di soli 3 anni da tempo affetta da leucemia.

F.S.