Silvio Berlusconi

(ELIANO IMPERATO/AFP/Getty Images)

Silvio Berlusconi, intervistato da Il Giornale, mostra molto ottimismo in merito alle prossime elezioni, parla di quello che farà nei primi 100 giorni di governo e non manca di lanciare bordate ai suoi avversari politici.

“Il primo partito della coalizione che saremo noi si insedierà al governo e realizzeremo le parti più urgenti del nostro programma: lotta alla povertà, controllo dell’immigrazione, abbattimento delle tasse. Come programma per i primi cento giorni non è male, mi pare”

Sul Movimento Cinque Stelle e i suoi candidati ha le idee molto chiare: “Grillo ha portato in Parlamento persone che prima di fare politica non avevano mai fatto nulla. Ora sono diventati dei veri professionisti della politica perché vivono esclusivamente dell’emolumento parlamentare. Questo vale proprio in particolare per il loro candidato premier. Noi invece stiamo selezionando persone che non hanno mai fatto politica, ma che nel lavoro, nelle professioni, nell’impresa, nella cultura, nel volontariato, siano vere e proprie eccellenze che abbiano dimostrato con i fatti non soltanto, ovviamente, assoluta onestà e capacità, ma anche di saper portare a casa dei risultati concreti e significativi”.

Berlusconi poi approfondisce il tema del reddito di dignità che tanto sta facendo discutere: “Milton Friedman può essere accusato di assistenzialismo? È il campione dell’economia liberista, oltre che un premio Nobel. La nostra proposta è ispirata a lui. Quanto alle promesse, noi non siamo come gli altri politici, siamo abituati a mantenerle. Ricorda il famoso contratto con gli italiani? L’università di Siena, non certo vicina al centrodestra, certificò che era stato rispettato quasi alla lettera. Ricordo l’aumento delle pensioni minime a un milione di lire per 1,835 milioni di pensionati, l’abolizione delle tasse sulla prima casa, sulle donazioni e sulle successioni, il milione di posti di lavoro. Tutte promesse rispettate alla lettera, anzi, di posti di lavoro ne abbiamo creato un milione e mezzo. Noi abbiamo un passato di cui essere fieri, a differenza di questi nostri avversari a 5Stelle che un passato non ce l’hanno neppure”.

F.B.