Sergio Picotti

(Facebook)

A Roma, ma non solo, si cerca Sergio Picotti, 80 anni il 13 gennaio, che è uscito di casa il 28 dicembre mattina, intorno alle 8, e da allora si sono perse le sue tracce. L’anziano vive a Selva Candida, nel quartiere Casalotti di Roma. Potrebbe aver preso la linea di autobus 904, per fare una passeggiata come faceva abitualmente. Al momento della scomparsa, Sergio Picotti indossava dei pantaloni grigio scuro, una camicia a quadri con righe azzurre, un giaccone in pelle marrone scuro, un cappello blu, una sciarpa beige e delle scarpe marrone scuro.

Originario di Acquacanina, uno dei borghi del maceratese maggiormente colpito dalle scosse di terremoto, sembra però remota l’ipotesi che l’anziano, affetto da Alzheimer, possa essere tornato autonomamente in quelle zone. Era stato il figlio Paolo, circa 24 ore dopo la scomparsa, a lanciare l’allarme: “Ancora non abbiamo trovato papà. Grazie a tutti gli amici che ci stanno sostenendo e aiutando. Non ci arrendiamo, continua la nostra ricerca su Roma”. L’uomo ha lanciato altri appelli, uno di questi rivolto agli infermieri negli ospedali: “Papà potrebbe non essere in grado di dare informazioni. Guardate bene la sua foto! Voi potete fare la differenza, lavorando in ospedale”.

GM