(Websource/archivio)

Facebook ormai è capace di tutto. Anche di realizzare matrimoni. Proprio così, tanto che lo scorso 30 dicembre infatti, il 30enne Chidimma Amedu, ha postato una proposta di matrimonio concedendo alle aspiranti spose 24 ore per rispondere: “Ho l’età giusta, sono pronto a sposarmi e non voglio perdere tempo. Inviatemi le vostre domande”. Una richiesta abbastanza strana, bizzarra e probabilmente fuori luogo dato che le nozze sono cosa seria e non si dovrebbero celebrare col primo che capita. Ma il post non è finito, e in pieno stile colloquio riporta: “La più qualificata diventerà mia moglie il 6 gennaio 2018. Buona fortuna”. Chidimma, nel suo proclamo, ha inserito addirittura giorno e data a dimostrazione della serietà delle sue intenzioni. Un’idea al quanto folle maturata dal ragazzo dopo che un anno fa il suo fidanzamento è naufragato poco prima di giungere all’altare. Uno choc dunque dal quale vuole riprendersi.

A dir la verità, non molte hanno risposto alla sua domanda, tranne una, l’unica realmente incuriosita dal post in questione. Sophy Ijeoma, anch’essa nigeriana ma residente in un città a circa 500 chilometri di distanza da quella dell’uomo, ha deciso di dargli spago. Inizialmente per gioco, pensando solamente ad una amicizia a distanza. Chidimma da parte sua, è rimasto immediatamente colpito e dopo soli due giorni di messaggi sempre su Facebook, ha deciso di partire da Abuja per andarla a trovare a Enugu. Un bel trasferimento che però ha dato i risultati sperati: “È stato amore a prima vista. È l’uomo più bello che abbia mai visto e me ne sono innamorata subito”. Questo il pensiero della ragazza e poco dopo quindi, la loro unione. Lui le ha chiesto di accompagnarlo dallo zio per chiedere l’approvazione della famiglia. Poi è stata la volta dei parenti di lei. Così, esattamente il 6 Gennaio, Chidimma e Sophy si sono sposati, postando ovviamente l’evento su Facebook.

GVR