(Websource)

La storia di Milena, degna di un libro e di un film, commuove e fa sperare tutti che possa arrivare ad un lieto fine. La protagonista di questa vicenda è Milena Marostegan, 41enne di Sacile in Friuli Venezia-Giulia ma nata a Treviso. Da sempre, come lei stessa racconta, avvertiva un vuoto intorno e dentro di sè, un pezzo mancante, un tassello di un puzzle che era la sua vita, la sua storia personale. Non era mai riuscita a darsi una spiegazione logica per questo senso di vuoto e di mancanza e solo a 23 anni ha capito e scoperto realmente di cosa si trattava. Milena da bimba è stata separata da sua sorella a pochi mesi dalla sua nascita. “Ero piccolissima anch’io, ricordo solo le sue manine”.

Le informazioni sono poche. Quello che si sa è che si chiama Michela e che per l’appunto è anche se di poco più giovane di lei. “La cerco disperatamente, voglio riabbracciarla”. Le informazioni rese pubbliche sono pochissime. Su Facebook qualcuno si è già attivato ed è partito una specie di passaparola nel tentativo di ampliare questa disperata ricerca non impossibile proprio grazie alla presenza dei social media. Certo sarebbe anche da capire il ruolo dei genitori di Milena, il motivo per il quale hanno dato in adozione la seconda figlia e tanti altri dettagli senza dubbio privati, ma che potrebbero tornare utile in questa ricerca che proprio la 41enne ha voluto oggi rendere pubblica.