(Websource/Archivio)

Infuriano le polemiche nei confronti della cantante settantaquattrenne Orietta Berti e di quanto dichiarato in merito al proprio voto nelle prossime elezioni politiche. La cantante infatti, a Un giorno da pecora, in onda su Rai Radio1, avrebbe ribadito la propria preferenza per i pentastellati.
Per questo l’onorevole dem Sergio Boccadutri, componente della Vigilanza, ha evidenziato quanto con tali dichiarazioni sia stata “chiaramente violata” la par condicio. Rivolgendosi al Garante per le Comunicazioni ha richiesto inoltre che si valuti se “dopo il suo coming out la cantante possa continuare a ricoprire il ruolo di ospite fisso da Fabio Fazio”.
“Ma che esagerati questi del Pd, in fondo che avrò detto mai? Che mi piacciono Grillo e Di Maio e tutti i Cinquestelle, embè? Da quando in qua non si può esprimere una simpatia?”, si è chiesta allora la Berti. E su quanto affermato in merito al proprio voto a favore del Movimento: “Uuuh… l’ho già promesso tante altre volte, solo che poi, quando era il momento, ero sempre all’estero a cantare”, ha ammesso ancora.
In sua difesa è accorso allora Luigi Di Maio, il candidato premier del Movimento 5 Stelle, che pubblicando una fotografie che lo ritrae assieme alla cantante ha ribadito: “Giù le mani da Orietta Berti, il Pd le chieda subito scusa”.

“Ho detto tante belle cose sul ministro Andrea Orlando, non è del Pd lui? E allora? Mi va a genio pure Pier Luigi Bersani, sarà perché è emiliano come me. E Berlusconi, che ha sempre la battuta pronta”, ha dichiarato a questo punto la Berti nell’intento di smorzare un po’ i toni, sottolineando però un legame speciale che sembrerebbe esserci con Grillo “Con Beppe c’è un affetto che dura da anni, da quando facevamo serate insieme e lui sforava con i suoi monologhi e poi mi diceva: ‘Orietta, ora ti tocca tagliare qualche canzone perché qui la gente vuole andare a letto presto’”, ha ricordato la cantante. Proseguendo su Di Maio: “E’ così bello che potrebbe non risultare credibile e sarebbe un peccato”.
Sui componenti del movimento inoltre ha ammesso: “Mi paiono gente onesta, si sono dimezzati il mensile, e questo mica lo fanno tutti, io guardo le persone, non il partito”.
Sull’eventualità di essere allontanata dal programma di Fabio FAbio Fazio Che tempo che fa? in onda su Rai 1 la Berti sembrerebbe serena: “Se la Rai mi cacciasse per una cosa così, vorrebbe dire che siamo davvero messi male”, ha ribadito.
La chiosa è su Boccadutri e la sua polemica: “Magari è bellino anche lui… Venga a Montecchio che le cucino delle tagliatelle al ragù o, se preferisce, dei tortellini fritti alla crema con un bicchiere di lambrusco”.
BC