Luca Abete di Striscia la Notizia aggredito a Napoli – VIDEO

(Websource/archivio)

Dopo Vittorio Brumotti, aggredito da alcuni spacciatori di droga in diverse città italiane, un altro inviato di Striscia la Notizia se l’è vista davvero brutta. Si tratta di Luca Abete. Il giornalista stava facendo un servizio su una nota pescheria di Capodichino nella quale sarebbe avvenuta la vendita dei datteri di mare, la cui pesca è vietata già dagli anni ’90.

Abete era dunque intento a parlare con il pescatore in questione ed altri venditori ambulanti. L’inviato stava cercando di far desistere l’uomo dall’intento in quanto per poter pescare i molluschi è necessario spaccare la pietra con martelli e picconi per poi prelevare i datteri con le pinzette. In questo modo si distrugge il fondale marino creando danni irreparabili all’ecosistema. Mentre avveniva la discussione a telecamere accese però il giornalista è stato interrotto da alcune persone che prima hanno invitato Abete ad andare via e indagare sui politici, poi lo hanno minacciato, insultato e spinto. I napoletani però non hanno preso bene l’irruzione di qualche teppista e subito sono intervenuti in difesa dell’inviato di Striscia.

 Luca Abete ha scritto un post su Facebook in merito a quanto accaduto: “Aggrediti a SECONDIGLIANO!!! Giornata da dimenticare: da salvare c’è solo la bontà della causa che portiamo avanti ormai da anni e ľaiuto delle persone che ci hanno salvato dal linciaggio…
Vedrete tutto nei prossimi giorni a Striscia! Intanto BUONA DOMENICA a tutti e GRAZIE per il sostegno incessante che ci conforta nei momenti difficili e ci dona energia nel continuare la nostra azione!”.

F.B.