Dal Nord europa giungono correnti di aria fredda fino al sud Italia, temperature che possono scendere fino a 8-10°

Dopo le prime piogge estive che hanno colpito la parte settentrionale dell’Italia, da giovedì dovrebbero scendere le temperature anche al sud. Infatti l’anticiclone africano ha toccato ormai il suo picco e nella giornata di giovedì dovrebbe essere calmato dalle correnti di aria fredda, provenienti dal nord Europa. Ma non prima di giovedì. Infatti Mercoledì, in Sicilia le temperaturà saranno ancora molto alte, con picchi fino ai 40°. Andiamo a vedere quali temperature ci aspettano nei prossimi giorni.

Meteo 9 luglio

Il meteo del 9 luglio prevede una graduale diminuzione delle temperature al centro-nord, con temperature che si aggirano intorno alla media stagionale ed in alcuni casi addirittura sotto le medie. Continua a far caldo al sud Italia, ma le temperature iniziano a diminuire di un paio di gradi. Continua invece il caldo afoso in Sicilia, con valori che si aggirano intorno ai 40°. Non solo Sicilia, infatti il clima afoso continuerà a toccare la Campania e la Calabria.

Mercoledì 10 luglio, costante caldo al sud

Mercoledì dovrebbe essere l’ultimo giorno di caldo torrido al sud Italia. Al Nord-Est, in Emilia Romagna e solla costa dell’Adriatico, continuano a calare le temperature, che si aggireranno addirittura sotto la media. Continua il caldo afoso in Calabria, Campania ed in Sicilia, dove si continuano a toccare picchi fino a 40°.

Giovedì 11 luglio, torna il fresco anche al sud

La svolta dovrebbe arrivare nel giorno di giovedì. Al Nord, passate le correnti fredde provenienti dall’Europa Settentrionale, si dovrebbero rialzare le temperature di qualche grado. Dopo giorni di caldo afoso, dovrebbero tornare nella media le temperature anche al Sud. Addirittura le temperature scenderanno sotto la media in Puglia, e sulle alture appenniniche. In Sicilia dopo aver toccato i quaranta gradi ad inizio settimana, le temperature dovrebbero scendere drasticamente, arrivando ad una massima di 31°. Temperature in calo anche in Calabria e Campania.

L.P.

Per altre notizie di cronaca, CLICCA QUI !