Festa Algeria per la Coppa d’Africa, il bilancio in Francia è di un morto e 74 arresti. La vittima è una donna 42enne, grave anche il figlio in ospedale. 

L’Algeria vola in semifinale di Coppa D’Africa, ma la festa estesa in Francia diventa un dramma. Come infatti racconta La Gazzetta dello Sport oggi in edicola, duranti i festeggiamenti, una donna di 42 anni è morta e il figlioletto di un anno è ricoverato in condizioni gravissime.

E’ successo a Montpellier, nel quartiere della Mosson e proprio nella zona dello stadio. Dopo aver battuto ai rigori la Costa d’Avorio, migliaia di algerini si sono riversati nelle strade per festeggiare. E lì, un tifoso di 21anni, è sfrecciato in curva a folle velocità, salendo sul marciapiede, e travolgendo la signora. Nell’incidente è rimasta ferita anche la figlia 17enne, la quale però avrebbe riportato ferite meno gravi. L’uomo è stato arrestato.

Festa Algeria, un morto e 74 arresti

Tuttavia – come riporta la rosea – si sono poi registrati altri incidenti ma tra fan dei Fennecs e la polizia. E’ stato puro terrore: approfittando della festa, migliaia di algerini ne hanno approfittato per saccheggiare negozi, vandalizzare le strade e dare anche fuoco ai bidoni dell’immondizia. In totale ci sono stati una ventina di agenti feriti e 74 fermi.

A Marsiglia invece,una delle città con la maggior comunità algerina, sono state 9 mila le persone in strada e anche qui non sono mancati gli scontri, con le forze dell’ordine costrette a lanciare gas.

Caos anche nella stessa Algeria, ma non per motivi calcistici. Piuttosto, per il 21° venerdì di fila, ci sono stati ancora cortei poiché ci sono ancora un capo di stato e un Governo ad interim. Dopo le dimissioni dell’82enne Bouteflika, le elezioni sono state rimandate a data da destinarsi. Anche se lo scorso 9 luglio è scaduto anche il Capo di Stato provvisorio. Ieri Algeri era militarizzata, altro che sport. Algeria-Nigeria e Senegal-Tunisia, intanto, proclameranno le finaliste di quest’edizione del torneo africano.

 

P.C.

 

Leggi anche: