Universiade: Cerimonia di chiusura spettacolare al San Paolo, polemica con la Rai

Nella serata di ieri è andata di scena la spettacolare cerimonia di chiusura dell’Universiade 2019, ma scoppia la polemica con la Rai

Come avevamo anticipato, tutta la città di Napoli era pronta per salutare le Universiadi in grande stile ma soprattutto con una grande affluenza di pubblico alla cerimonia di chiusura. Infatti così è stato. Una grande festa in uno Stadio San Paolo gremito, ha accompagnato la chiusura di questa manifestazione. Sul palco di Fuorigrotta si sono esibiti prima i comici dei The Jackal, e poi grandi artisti del mondo musicale come Dj Sonic, Clementino e per finire Mahmood.

Ma ad accompagnare la cerimonia di chiusura non è stato solo il grande show, ma anche le polemiche. Questa volta il dito è stato puntato contro la RAI, rea di non aver trasmesso in diretta l’evento, ma solo in differita alle ore 23. Al posto dell’evento andato in scena nel napoletano, la Rai ha rispettato il suo solito palinsesto, mandando in onda N.C.I.S.

Il polverone è stato alzato proprio da un giornalista napoletano, Luca Pollasto, che sul social network Twitter ha colto l’occasione per denunciare l’accaduto. Secondo il giornalista, la cerimonia di chiusura sarebbe andata in scena se solo fosse stata fatta in un’altra città. Infine ha rivendicato la vittoria della città partenopea nonostante la mancata mandata in onda.

Numeri positivi per l’evento e per l’Italia

Nonostante le polemiche, questa è stata un Universiade molto produttiva sia secondo i numeri dell’evento sia per il Medagliere azzurro.

Nonostante i 60 impianti non abbiano fatto registrare sempre il sold-out, nei dodici giorni di gare sono stati circa 6mila gli atleti partecipanti, provenienti da 118 paesi, e per i vari eventi sono stati staccati intorno ai 600mila biglietti.

Numeri niente male, soprattutto se si pensa che sono stati addolcite dalle grandi performance degli atleti azzurri. Infatti la città di Napoli ha ispirato i nostri atleti universitari, che hanno conquistato ben 44 medaglie, con ben 15 ori, 13 argenti e 16 bronzi. Record ex-aequo con le universiadi di Kazan, anche se lì furono solamente sei gli ori conquistati.

Evento positivo soprattutto per il presidente delle Universiadi, Oleg Matysin che ha riassunto questa Universiade dichiarando: “Non è stato facile organizzare queste Universiadi, ma alla fine sono state un successo grazie allo spirito e all’energia dei napoletani. Abbiamo avuto dei problemi, ma abbiamo trovato sempre delle soluzioni. Napoli ci ha dato una grande lezione”. 

L.P.

Per altre notizie sul mondo dello Sport, CLICCA QUI !