Incidente S.S. 101: muore giovane mamma tra Nardò e Gallipoli

Incidente sulla S.S. 101 all’altezza di Lido Conchiglie: muore tragicamente tra Nardò e Gallipoli, Barbara Fiore una giovane mamma di 33 anni.

Ancora sangue sulle strade italiane: dopo quanto accaduto nel weekend, con una vera e propria strage di giovanissimi, una nuova vittima stamattina all’alba. Una giovane di 33 anni, madre di famiglia, ha perso la vita nel Salento, a causa di un sinistro stradale. L’incidente stamattina all’alba sulla S.S. 101 all’altezza di Lido Conchiglie località balneare tra Gallipoli e Nardò. Appena 24 ore prima, il dramma di Martina, una giovane mamma della provincia di Ragusa. La vittima di questo nuovo dramma si chiamava Barbara Fiore.

L’incidente stradale in cui è morta Barbara Fiore

Lo schianto si è consumato quando erano da poco passate le sette del mattino. La donna rimasta uccisa è una ragazza di 33 anni, madre di due figli e separata, originaria di Gallipoli. Il drammatico incidente quasi all’altezza dello svincolo per Lido Conchiglie: la donna probabilmente stava rientrando a casa e a causare lo schianto potrebbe aver contribuito l’asfalto reso viscido dalla pioggia. In quelle ore, infatti, imperversava su tutta la Penisola Salentina un violento temporale. L’auto guidata da Barbara Fiore –  una Hyundai ix35 – ha sbandato ribaltandosi più volte oltre il guardrail.

La sua carambola infernale è terminata diverse decine di metri oltre la carreggiata, in mezzo alle campagne tra Nardò e Gallipoli. Per la povera mamma non c’è stato nulla da fare: inutili si sono rivelati i soccorsi. Agli occhi dei soccorritori, in particolare i vigili del fuoco del distaccamento di Gallipoli e i carabinieri del Nucleo operativo radiomobile, uno scenario tremendo. Barbara Fiore, infatti, era stata sbalzata fuori dalla sua auto e il corpo giaceva esanime in mezzo alla campagna. Sul posto, i mezzi del Suem 118 che hanno potuto solo constatare il decesso. In un primo momento, si era temuto anche per la sorte dei figli della donna: questi però erano stati affidati dalla mamma alla nonna. Un’intera comunità – in queste ore – è sotto choc dopo aver appreso la tragica notizia.