Andrea Camilleri si è spento stamattina a 93 anni: addio al grande scrittore, diviso tra passione civile e letteratura, il suo pensiero.

Stamattina si è spento a Roma, all’età di 93 anni, Andrea Camilleri: il maestro della letteratura italiana aveva 93 anni. Uno dei più prolifici autori della seconda metà del Novecento, lo scrittore era ricoverato da oltre un mese. Nato a Porto Empedocle, Agrigento, il 6 settembre 1925, era stato colto da un arresto cardiaco. “Non ho paura di morire”, disse a Radio Capital appena qualche giorno prima del ricovero. Diviso tra romanzi e passione civile, lascerà un segno nella cultura del nostro tempo.

L’impegno civile di Andrea Camilleri e le sue note polemiche

Andrea Camilleri riusciva a coniugare infatti il mondo della letteratura con un certo tipo di posizioni a volte scomode. Negli ultimi tempi, suo bersaglio era divenuto il ministro dell’Interno, Matteo Salvini. Ma la sua vis polemica non aveva mai risparmiato neanche la sinistra storica italiana, a cui faceva riferimento. Si ricorderà ad esempio come nel 2014 lasciò il suo ruolo di garanzia per la lista Tsipras, a poche settimane dal voto europeo. In precedenza, non aveva risparmiato critiche al presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, a suo dire troppo anziano per ricoprire un ruolo così importante.

Tra le sue polemiche preferite quella contro la nostra classe dirigente che diffonde una pratica linguistica esterofila. Un attacco che non aveva risparmiato l’allora presidente del Consiglio, Mario Monti. Andrea Camilleri è stato però soprattutto scrittore prolifico. Decine e decine i suoi romanzi, molti dei quali hanno come protagonista il commissario Salvo Montalbano. Il successo della saga dedicata al noto poliziotto spinse la Rai a produrre una serie televisiva di successo, in cui il commissario veniva interpretato da Luca Zingaretti. Narratore raffinato e capace di dare voce ai propri personaggi, lo scrittore che ci lascia oggi è in realtà arrivato tardi al successo di pubblico: il suo primo romanzo è infatti del 1978, quando aveva 53 anni. Il successo commerciale inizia invece a metà anni Novanta, proprio grazie a ‘La forma dell’acqua’, il primo romanzo in cui appare Salvo Montalbano. Tradotto in almeno 120 lingue e capace di vendere coi suoi libri 10 milioni di copie, Andrea Camilleri ha avuto una profonda influenza nella cultura di massa.

Una breve intervista del 2011 a DirettaNews –> Andrea Camilleri, intervista esclusiva al maestro, autore del libro “La setta degli angeli”