Da Bologna arrivano le prime notizie su Sinisa Mihajlovic e le cure contro la leucemia che lo ha colpito di recente senza fiaccare il suo ottimismo.

Da tre giorni, come aveva promesso, Sinisa Mihajlovic ha cominciato le cure per battere la leucemia che l’ha colpito. L’allenatore del Bologna è ricoverato all’Istituto Seragnoli del Policlinico Sant’Orsola nel capoluogo emiliano, in particolare presso il reparto di Ematologia. Da quando è entrato, comprensibilmente è calato il silenzio sulla sua salute. Ma ora arrivano le prime notizie sulle cure che il mister sta affrontando.

La malattia di Sinisa Mihajlovic, scoperta all’improvviso, ha colpito tutto il mondo del calcio e non solo. Lui ha cominciato le cure in ospedale nelle ultime ore il Bologna, attraverso una nota ufficiale sul suo sito, ha spiegato i passaggi che dovrà affrontare.

Dal comunicato sappiamo che Sinisa Mihajlovic ha iniziato oggi il trattamento chemioterapico. “A meno di una settimana dall’annuncio del mister – si legge – si è inoltre concluso il percorso di tipizzazione della malattia, che ora si può conoscere e colpire con maggior certezza: si tratta di una leucemia acuta prevalentemente mieloide”.

Nessuna informazione in più, perché adesso toccherà solo ai medici e alla famiglia eventualmente fare conoscere le condizioni di salute dell’allenatore. Intanto però anche negli ultimi giorni, dopo il ricovero in ospedale per cominciare a combattere contro la leucemia, Sinisa Mihajlovic ha continuato anche a fare il lavoro che ama. Tiene i contatti con i suoi collaboratore e con la squadra, in ritiro a Castelrotto (in Trentino) attraverso un pc e si confronta quotidianamente con tutti.

Leggi anche: Mihajlovic ringrazia tutti: “Siete stati come una carezza, ora pronto a combattere”

Sinisa Mihajlovic e la leucemia, tanti messaggi dai tifosi

Da quando la notizia della leucemia che ha colpito Sinisa Mihajlovic è stata resa pubblica, c’è stata una norme mozione d’affetto nei suoi confronti. L’ultima testimonianza questa mattina, quando di fronte alla casa romana dell’allenatore, vicina allo Stadio Olimpico, è apparso uno striscione. “Sinisa vinci la tua partita più importante”.

A scriverlo e appenderlo è stato un gruppo di tifosi della Lazio, squadra nella quale Mihajlovic ha giocato e che gli è rimasta nel cuore. Un messaggio letto subito dalla moglie e della figlie che vivono ancora lì.

L’ultimo messaggio di Sinisa, qualche giorno fa con una lettera a ‘La Gazzetta dello Sport’: “Ho ricevuto migliaia di messaggi. Vi assicuro che li ho letti tutti, uno dopo l’altro: ognuno ha rappresentato per me una carezza, un abbraccio e ha toccato il mio cuore. Sono stati giorni duri e mi scuso se non ho risposto e ringraziato ognuno di voi”, ha scritto prima di affrontare la leucemia.

F.D.