Su pressione di Kanye West, Donald Trump contatterà il ministro svedese per far liberare il rapper ASAP Rocky

Lo scorso 3 luglio il rapper statunitense ASAP Rocky è stato arrestato in Svezia con l’accusa di aver aggredito una persona. Il cantante era stato ripreso durante un litigio con un ragazzo nel centro di Stoccolma. Quest’ultimo è stato strattonato e fatto cadere a terra.

Ora Kanye West e Kim Kardashian stanno facendo pressioni sulla Casa Bianca per fare in modo che il loro collega torni in libertà. Secondo quanto riferito da Tmz, Kanye avrebbe chiesto alla moglie di contattare Jared Kushner, genero di Trump, per illustrargli il caso di ASAP Rocky. Non è stata la sola però a farsi sentire sulla vicenda, ma anche altri del mondo della musica e non solo. Il presidente americano si sarebbe lasciato convincere sul fatto che il rapper sia stato trattato ingiustamente ed avrebbe fatto sapere che chiamerà Stoccolma per chiarire la vicenda.

Espaillat: “ASAP Rocky provocato, chiediamo all’ambasciata svedese di ascoltarci”

Nel frattempo Adriano Espaillat, membro della Camera dei deputati per lo stato di New York, avrebbe rilasciato un primo appello: “All’ambasciata svedese qui a Washington chiediamo solo di ascoltarci. Abbiamo visto il video di quanto successo, ed è chiaro che lui è stato provocato, molestato, seguito e pedinato. Io credo abbia agito per legittima difesa”.

Il suo manager John Ehmann accusa invece la Svezia e la mancata applicazione delle giuste leggi. Ecco quanto detto: “Il giorno del suo arresto, ho parlato con l’ambasciatore statunitense che mi ha informato che la sua richiesta di visitare Rocky è stata respinta dalla polizia. Fatto che viola l’articolo 36 della Convenzione di Vienna sulle relazioni consolari, di cui la Svezia è firmataria.

Da quel giorno a Rocky è stato permesso di vedere un avvocato e un consulente dell’ambasciata degli Stati Uniti, ma solo alla presenza di funzionari svedesi. È preoccupante che le leggi non vengano applicate allo stesso modo”.

M.D.G