Larissa Iapichino, è oro nel salto lungo agli Europei U20

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:04

Europei U20: è oro per Larissa Iapichino. La figlia di Fiona May trionfa proprio con lo stesso super record della mamma a Birmingham 87: 6.58. “Non ci credo, è stato uno shock”, commenta l’atleta 

Larissa Iapichino, impresa agli Europei U20. Ad appena 17 anni, infatti, la figlia di Fiona May conquista l’oro nel salto in lungo con un grande 6.58. Lo stesso esatto super risultato compiuto dalla mamma nel 1987, quando a Birmingham salì sul gradino più alto del podio.

Secondo posto per la svedese Tlide Jojansson (6,52) e terzo per la britannica Holly Mills (6,50). Un successo enorme ma duramente ottenuto, in una gara in crescendo, con misure regolari e con tre salti oltre i 6,50. Non c’è il suo record personale che rimane a 6,64, ma è quanto pasta per impreziosire il suo ricco palmares e soprattutto regalare all’Italia la quarta medaglia d’oro in questa torneo continentale.

Europei U20, Larissa Iapichino esulta

Intervenuta subito dopo la vittoria, il talento classe 2002 ha comentato così lo straordinario risultato sul sito della Fidal: “Non ci credo, e’ stato pazzesco. E stata una gara bellissima perché ad un certo punto eravamo in tre in due centimetri. Fino all’ultimo salto è stata una gara con i brividi”. E la ragazza spiega come non si sia lasciata battere da qualche imprevisto che poteva rovinare l’impresa: “Al primo salto con la pioggia ero ‘impanicata’, pensavo non sarei riuscita a saltare. Poi però mi son detta che dovevo soltanto fare del mio meglio e ci ho provato. Vincere a 17 anni significa tantissimo, le mie avversarie erano quotatissime, la svedese Johansson e l’inglese Mills soprattutto. E’ come uno shock, sono riuscita a fare 6,58 e a vincere il titolo”.

E ora via alla maxi festa in famiglia per l’adolescente nata a Borgo San Giovanni: “In tribuna c’erano tutti i miei compagni, mia mamma Fiona, mio papà Gianni e mia sorella Anastasia, ed è stato bellissimo. Una gara non facile, vento spesso contrario, siamo riuscite tutte a fare ottimi salti nonostante condizioni pessime. La settimana prossima forse andrò agli Assoluti di Bressanone e il prossimo anno vedremo. Intanto ci godiamo la festa, abbiamo fatto un Europeo pazzesco, che Italia”.

 

P.C.

 

Leggi anche: Tour de France 2019, il tourmalet parla francese

 

 

Redazione DirettaNews.it