Vieste, due ragazzi rischiano l’annegamento: salvati da bagnini e cani

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:18

Due ragazzi rischiano di annegare al Cristalda Beach di Vieste ma vengono salvati da bagnini e cani

Stamane allo stabilimento balneare di Cristalda Beach di Vieste, intorno alle 10:30, i cani-bagnino della SCISAR Delegazione Puglia Nord hanno tratto in salvo due ragazzi che rischiavano l’annegamento. Non che non sapessero nuotare, ma il forte vento ed il mare agitato ha fatto sì che non riuscissero ad arrivare a riva, avvicinandosi ai frangiflutti.

Insieme all’intervento di Maya ed Axel, usciti dall’istruzione della Scuola Cinofila Italiana Soccorso Acquatico e Ricerca, c’è stato quello del bagnino Luigi Prencipe. L’allarme alle unità cinofile lo hanno dato i bagnanti stessi sulla spiaggia.

Non solo Vieste, paura anche a Soverato: bambino ritrovato grazie ai cani

Stavolta siamo in Calabria, a Soverato, e sempre stamattina ci sono stati attimi di panico quando un bambino tedesco si è perso in spiaggia. L’intervento però dei cani della SICS ha fatto sì che il baby turista venisse ritrovato per la felicità immensa della sua famiglia.

Il sindaco Ernesto Alecci si è così espresso su Facebook: “Sono orgoglioso di aver dato avvio da tre anni al servizio di salvamento in spiaggia con i cani. Siamo pochissimi comuni in tutta Italia. Oggi un bambino si è perso. I genitori (tedeschi che non parlavano una sola parola di italiano) erano nel panico e si sono recati nel gazebo della SICS per chiedere aiuto. Tre squadre si sono subito attivate per setacciare spiaggia e mare.

Dopo un quarto d’ora di terrore (perdere di vista i propri figli da bambini è un incubo per qualsiasi genitore) il piccolo è stato ritrovato dai soccorritori a diverse centinaia di metri dai genitori in lacrime e sotto choc. Complimenti ai ragazzi della SICS ed ai loro colleghi a 4 zampe. Siete gli “angeli custodi” della nostra estate in spiaggia a Soverato”.

In vista delle giornate al mare, leggi anche—> PREVISIONI METEO, UN CICLONE AFRICANO INVESTE L’ITALIA: PICCHI DI 40 GRADI

M.D.G