Caso di Bibbiano, il ministro Alfonso Bonafede prende provvedimenti

Sta prendendo piede in questi ultimi giorni la polemica politica riguardo al caso di Bibbiano. Il comune emiliano è al centro dell’inchiesta Angeli e Demoni sul sistema di gestione illecita di minori in affido in Val d’Enza.

Il ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede, ieri ha annunciato l’istituzione di una squadra speciale per la tutela dei minori: “Domattina firmerò l’atto con cui istituirò al Ministero una ‘Squadra speciale di giustizia per la protezione dei bambini’. L’obiettivo è fare in modo che il sistema giustizia possa avere il monitoraggio costante e serratissimo di tutto il percorso dei bambini affidati. Tutti gli operatori dovranno sentire il fiato sul collo da parte della magistratura che effettuerà i controlli. Il primo passo sarà una banca dati omogenea che attualmente manca. Quanto emerso nell’inchiesta Angeli e demoni su Bibbiano non deve accadere mai più”.

Segue la promessa: “È un impegno che ho preso, per quanto riguarda le mie competenze, anche di fronte al Parlamento e che ho intenzione di portare avanti con la massima determinazione”.

Infine, sull’inchiesta della magistratura: “La magistratura farà i propri approfondimenti in piena autonomia e indipendenza ma è evidente a tutti che il caos degli affidamenti, spezzettato tra le varie competenze e ulteriormente stravolto da conflitti di interesse e collegamenti malati con la politica, non può più proseguire. È necessario portare avanti investimenti e modifiche di legge per tutelare e proteggere i bambini. La giustizia farà il suo dovere. E sarà inflessibile”.

Bibbiano, l’ira di Salvini: attacco al PD

Nel frattempo il vice premier Matteo Salvini sui propri profili social ha accusato i media di tacere sulla questione e non si è scansato dall’attaccare il PD. Ecco le sue dichiarazioni: “Nel silenzio di tanti giornali e tg, la VERGOGNA dei bimbi strappati alle famiglie urla vendetta. Onore a Nek e a Laura Pausini, chi tace su #Bibbiano è complice!”. Ieri il ministro si era detto schifato per “una certa sinistra che fa business sugli immigrati e perfino sui bambini”.

Gli attacchi al Partito Democratico sono arrivati anche dal Movimento 5 Stelle che afferma: “Davanti allo scandalo sugli affidi il Pd tace, ma voterà la commissione d’inchiesta sugli affidi?”. Il leader dei penta stellati Luigi Di Maio, nonché vice premier, rincara la dose: “Vergognoso strumentalizzare l’inchiesta, ne risponderete in tribunale”. Tira anche in causa Matteo Renzi, ex presidente del consiglio e facente parte del Pd: “E’ veramente vergognoso il silenzio del Pd, Renzi dice che gli faccio schifo, a me fa schifo il loro silenzio sul caso Bibbiano”. Il partito di centro-sinistra denuncia il pesante clima di aggressione e diffamazione da parte degli schieramenti attualmente al governo.

Leggi anche—> VIOLENZA SULLE DONNE, APPROVATO IL DISEGNO “CODICE ROSSO”: PENE INASPRITE

M.D.G