Di Maio annuncia il “mandato zero”, deroga per consiglieri comunali

Il Ministro del Lavoro, Luigi di Maio, lancia la novità del “Mandato Zero” per riorganizzare il Movimento 5 Stelle, l’annuncio con un post su Facebook

Novità nel Movimento 5 Stelle. Il leader del partito pentastellato, Luigi di Maio, con un lungo post su Facebook ha annunciato la novità “Mandato Zero”, nell’intento di riorganizzare il partito. Sulla sua pagina ufficiale, il Ministro per lo Sviluppo Economico, ci ha tenuto a precisare che il mandato avràpartito e che riguarderà consiglieri comunali e di municipio. Il tutto per non disperdere l’esperienza acquistata nel primo anno di mandato o meglio nell’anno zero.

Il post sul social network spiega come funziona il Mandato Zero, affermando:  «Come funziona il mandato zero? Se tu vieni eletto consigliere comunale o di municipio al primo mandato – scrive Di Maio – e lo porti avanti tutto e poi decidi di ricandidarti e non diventi né presidente di municipio né sindaco, allora il tuo secondo mandato, quello precedente, cioè il mandato zero, non vale».

Il ministro pentastellato ha concluso affermando, che così facendo i consiglieri comunali hanno l’opportunità di ricandidarsi, alleandosi con altre Liste Civiche. Inoltre il Mandato Zero, non avrà valore per chi viene rieletto Sindaco.

Di Maio ed il “Mandato Zero“, sui Social scoppia l’ironia

Ma la reazione social sul “mandato zero“, non è stata clemente nei confronti del ministro. Gli utenti di Twitter si sono scatenati con commenti di ogni tipo. C’è chi fa riferimenti a videogiochi affermando: “Il #mandatozero è tipo io quando giocavo a football manager e, se perdevo una partita, la chiudevo e ricominciavo senza salvare“.

Poi c’è chi elogia il genio napoletano citando Massimo Troisi, twittando: “Ennesima dimostrazione del genio napoletano. Invece di dire tre mandati inserisce il mandato zero più altri due. “Chello che è stato è stato, basta! Ricomincio da tre! – Da zero, ricominci da zero. – Nossignore….“.

Altra mossa controversa del Movimento 5 stelle, in un disperato tentativo di riformare il partito. Vedremo se il “Mandato Zero” convincerà i suoi fedeli e se farà tornare il Movimento come prima forza politica italiana.

L.P.

Per altre notizie sulla Politica Italiana, CLICCA QUI !