Tennis Atp, Fabio Fognini nei quarti ad Amburgo

Prima di emigrare sul cemento nordamericano, il tennis regala ancora tornei sulla terra. Italiani protagonisti sia ad Amburgo che a Gstaad.

L’estate del tennis mondiale è soprattutto cemento, in preparazione degli US Open. Ma per molti almeno nel mese di luglio è ancora terra. E oggi Fabio Fognini ha raggiunto i quarti di finale nell’European Open di Amburgo. Nulla da fare invece per il 21enne romano Gian Marco Moroni, uscito agli ottavi nel torneo Atp di Gstaad.

Fabio Fognini, attuale numero 10 al mondo e che in Germania è terza testa di serie del torneo di tennis ad Amburgo ha esordito battendo bene il tedesco Lenz. Oggi gli toccava un altro atleta di casa, il qualificato Rudolf Molleker, diciottenne e numero 150 al mondo.

É finita 7-5,6-4 a dimostrazione di una partita decisamente combattuta. Nel primo set Fabio Fognini si è trovato in difficoltà soltanto quando ha dovuto annullare un set point al suo avversario sul 4-5 dopo aver recuperato un break di svantaggio. Poi però si è sciolto e ha chiuso in bellezza.

Equilibrio anche nel secondo parziale fino al 4-4. Poi il campione ligure ha imposto la sua maggiore classe e attitudine a queste partite chiudendo al decimo gioco. Adesso nei quarti del torneo Atp di Amburgo avrà un avversario più tosto, Pablo Carreno Busta. I precedenti dicono 6-0 per lo spagnolo, quindi partita delicata. Tra gli altri qualificati c’è anche l’idolo di casa Alexander Zverev.

Leggi anche: Tennis, Atp Pechino: Nadal batte Fognini in due set e nega la finale al ligure

Tennis, bella prestazione di Morini a Gstaad

Nulla da fare invece nel torneo di tennis Atp di Gstaad per Gian Marco Moroni, battuto in due set dal portoghese Joao Sousa (numero 49 Atp contro il 265 del romano), col punteggio di 6-4, 6-4.

Un risultato figlio della maggiore attitudine di Sousa ai grandi tornei di tennis e della sua esperienza internazionale, anche se Moroni ha ben figurato. Era reduce da un primo turno che rappresenta anche la sua prima vittoria in un torneo del circuito maggiore. E queste prestazioni gli daranno fiducia per il futuro.

“Ha giocato meglio lui – ha detto a fine partita a Unitennis.com – e io avrei dovuto restare più rilassato, ma mi toglieva il tempo. Ho capito che come gioco ci sono, però devo ancora lavorare molto”.

Unico italiano ai quarti di finale nel torneo di Gstaad resta quindi Thomas Fabbiano che nel turno precedente ha impiegato quasi tre ore per battere il torinese Lorenzo Sonego. Al prossimo turno invece gli toccherà il tedesco Stebe.

F.D.