Sardegna, Attentato contro la sede del PD a Dorgali

Grave attentato nella  sede del PD a Dorgali in Sardegna, dove è stata anche incendiata l’auto del sindaco di Cardedu

Nella notte a Dorgali in via Lamarmora, è andato in scena un attentato nella sede del Partito Democratico. Secondo le prime indiscrezioni, sarebbero state delle bombole di gas l’arma per l’esplosione che ha provocato gravi danni alla sede del PD.

Dopo l’attentato, sul posto sono giunti prontamente i Carabinieri ed i Vigili del Fuoco che hanno effettuato i primi rilievi e dato il via alle prime indagini. Sul posto anche gli uomini della polizia locale.

Sardegna, non solo la sede del PD nel mirino

Ma nella notte, non c’è stata solamente l’attacco alla sede del PD a Dorgali. Infatti anche a Cardedu, località costiera dell’Ogliastra, è stata data fuoco all’auto del sindaco Matteo Piras, appartenente alla Lista Civica. L’auto andata a fuoco sarebbe un Audi A4, parcheggiata sotto la sua abitazione.

Il vile episodio sarebbe avvenuto intorno alle ore 3:20. Subito dopo l’incendio sono intervenuti i Vigili del Fuoco del distaccamento di Lanusei, ma nemmeno il loro intervento tempestivo è riuscito a salvare l’automobile, che è stata completamente distrutta dalle fiamme.

Dopo l’accaduto il governatore della Sardegna, Christian Solinas, ha tenuto ad esprimere la propria solidarietà nei confronti del sindaco Piras, dichiarando: “Esprimo la mia solidarietà al sindaco di Cardedu, Matteo Piras. Il gesto è ancor più deprecabile, perchè rivolto nei confronti di un amministratore pubblico, che ogni giorno si impegna con coraggio nella sua comunità”.

Intanto sul posto si continua ad indagare su chi sia stato l’autore di questi due attentati.

L.P.

Per altre notizie di Politica, CLICCA QUI !