Funerali carabiniere, la polemica: “Dov’era Renzi?”, ecco la risposta

Funerali del carabiniere ucciso a Roma, la polemica sui social: “Dov’era Renzi?”, ecco la risposta e chi c’era realmente per l’ultimo saluto.

Si sono svolti lunedì scorso i funerali di Mario Rega Cerciello, di 35 anni, il carabiniere ucciso a Roma. Il delitto avvenuto tra giovedì e venerdì, nella notte, è stato compiuto da due giovani americani. A salutare per l’ultima volta il vicebrigadiere c’erano centinaia di persone. Eppure, sui social è nata una polemica: riguardava l’assenza di alcuni esponenti politici. Nell’occhio del ciclone, in particolare, Matteo Renzi. Addirittura, qualcuno su Facebook ha postato un’immagine che lo vede affianco al presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. Con loro gli ex presidenti di Camera e Senato, Laura Boldrini e Pietro Grasso.

I funerali del carabiniere e la bufala sull’assenza delle istituzioni

L’utente che ha postato la foto dà però un’indicazione sbagliata, sostenendo che gli esponenti politici immortalati fossero ai “funerali di un nigeriano in odor di mafia”. Si tratta di una doppia bufala: innanzitutto perché quella è una foto scattata alle esequie solenni per le vittime del terremoto del Centro Italia dell’agosto 2016. In secondo luogo, perché chi ha pubblicato il post fa riferimento a un fatto di cronaca, sostenendo però il falso. “Neppure uno ha partecipato a Somma Vesuviana alle esequie del carabiniere accoltellato da un drogato”, scrive aggiungendo appunto che ai funerali del nigeriano erano tutti presenti.

Il riferimento – che l’autore del post ha poi modificato – è a Emmanuel Chidi Namdi, il richiedente asilo nigeriano ucciso con un pugno da Amedeo Mancini nel luglio 2016. Molto si è parlato di questo fatto di cronaca, ma nessun collegamento è mai emerso tra la vittima ed esponenti della mafia nigeriana. Ma c’è un terzo elemento da valutare. Riguarda proprio la presenza di Matteo Renzi al funerale del carabiniere. Il senatore dem infatti non ha più alcun ruolo istituzionale, proprio come Grasso e Boldrini. L’unico di quella foto – risalente a quasi tre anni fa – che ha ancora un ruolo istituzionale è il presidente Mattarella. Che effettivamente non c’era, ma la sua assenza sarebbe stata giustificata. La polemica – dunque – al limite potrebbe essere sulla sua assenza.

La presenza delle cariche istituzionali, l’assenza delle opposizioni

Le cariche istituzionali ai funerali di Mario Cerciello Rega c’erano infatti tutte: il comandante generale dei carabinieri Giovanni Nistri, il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, i vicepremier Luigi Di Maio e Matteo Salvini, i ministri Elisabetta Trenta e Sergio Costa, il presidente della Camera Roberto Fico. Non c’era la presidente del Senato Casellati, ma era presente il suo vice Ignazio La Russa. Insomma, a rendere omaggio al carabiniere barbaramente ucciso c’erano tutti – o quasi – coloro che hanno in Italia un ruolo di primo piano e cariche istituzionali.

A Matteo Renzi eventualmente possiamo forse rimproverare di non essersi presentato in quanto uno dei leader dell’opposizione, un Senatore della Repubblica, o anche solo un semplice cittadino. A tal proposito, c’è un precedente: riguarda i funerali per le vittime del crollo del Ponte Morandi di Genova. Anche allora i dirigenti dem preferirono disertare le esequie, in quel caso probabilmente per tenersi fuori da polemiche proprio in un giorno di lutto e dolore.