Jovanotti chiude il Tour a Linate, la Liguria si arrabbia

I fans liguri di Jovanotti infuriati per il mancato recupero della data saltata ad Albenga. Da domani in vendita i biglietti per l’ultima tappa.

La scelta di chiudere il tour del ‘Jova Beach Party‘ di Jovanotti il 21 settembre all’aeroporto di Milano-Linate ha scatenato diverse polemiche. I più scatenati sono decisamente i fans liguri del cantautore, delusi doppiamente. Speravano infatti che prima della fine venisse recuperata la data saltata a fine luglio ad Albenga e invee non sarà così.

In effetti comunicando la scelta di Linate per il concerto finale, Jovanotti e il suo staff l’hanno motivata così. “Un evento finale nato a grandissima richiesta per accontentare il grande pubblico di Piemonte Lombardia e Liguria”. Tutto questo dopo l’annullamento della tappa di Albenga dovuto alle mareggiate di luglio.

Una causa certamente indipendente dagli organizzatori, ma molti speravano in una soluzione diversa. Invece quella data è stata definitivamente annullata e non verrà recuperata né adesso e nemmeno il prossimo mese. A parziale consolazione, è già stato attivato il procedimento per il rimborso dei biglietti. Ma chi non lo volesse, potrà considerarli validi per il concerto finale di Milano Linate, una sorta di contentino.

Gli altri invece che vorranno assistere al concerto dovranno spendere 59,80 euro su TicketOne. Biglietti in vendita da domani mattina, 6 agosto.

Leggi anche: #NoJovaBeachParty – Gli ambientalisti contro Jovanotti ed il suo tour estivo

Jovanotti in tour, a rischio anche le tappe di Vasto e Policoro

Non sono però queste le uniche polemiche legate alle prossime tappe del ‘Jova Beach Party‘. Quella di Vasto del 17 agosto è ancora in dubbio dopo la guerra aperta tra in sindaco della località abruzzese e gli ambientalisti.

Lo è anche quella del 13 agosto a Policoro in provincia di Matera. Ancora una volta a scendere in campo contro Jovanotti e il suo tour sono gli ambientalisti di Legambiente. Il presidente del circo di Policoro ha già annunciato di essere preoccupato per l’impatto ambientale che potrà avere la tappa materana del tour.

In particolare la zona scelta per ospitare la tappa di Policoro è solitamente destinata alla riproduzione di specie importanti come il fratino e la tartaruga caretta caretta, più altre specie protette. Ci sono bellezze naturali protette, quello è un Sito di Interesse Comunitario. E 40mila persone che calpestano le dune potrebbero compromettere il loro stato per decenni.

Legambiente locale ha già presentato un esposto, almeno per rinviare il concerto dopo il 31 agosto. Questo per favorire la conservazione della specie. Ma per ora dall’organizzazione nessuna cancellazione o variazione.