Liam e Noel Gallagher, non c’è mai pace: “Non sopporto la sua voce”

Liam e Noel Gallagher, due fratelli nemici, tornano a far parlare di loro

Liam Gallagher è un cantautore inglese, già frontman del gruppo musicale degli Oasis, una delle più note band musicali del mondo dagli anni novanta, e dei Beady Eye, formazione nata a seguito dello scioglimento degli Oasis e attiva fino al 2014, e attivo attualmente come solista. Degli Oasis Liam è stato la prima voce e autore di alcuni brani, in collaborazione col fratello maggiore Noel, l’altra figura di rilievo del gruppo originario di Manchester.

Tra i due fratelli Gallagher non è mai scorso buon sangue. Il 29 settembre 1994, durante un’esibizione al Whisky a Go Go di Los Angeles l’intera band (staff compreso), è sotto l’effetto di metanfetamina. La performance è disastrosa: ogni membro suona una canzone diversa nello stesso momento. Noel se la prende con il fratello e Liam, stufo di vedere Noel incolpare soltanto lui, gli lancia il tamburello addosso, colpendolo di striscio. Noel ne rimane talmente scosso da lasciare la band per volare a San Francisco.

Il 23 agosto 1996 per un mal di gola Liam non si presenta sul palco di MTV Unplugged alla Royal Festival Hall di Londra, dove è in programma l’esibizione acustica della band. Tra la sorpresa generale Liam compare comunque in sala e dal balcone assiste all’esibizione del fratello, prendendolo di mira nelle pause tra i brani. Quattro giorni dopo un altro tour negli Stati Uniti fa da sfondo all’ennesimo dissidio. Liam si rifiuta di unirsi al resto del gruppo lasciato gli Stati Uniti dicendo di voler “cercare casa, ma gli altri membri della band decidono di recarsi ugualmente oltreoceano, continuando il tour con Noel come cantante. Nonostante Liam raggiunga i propri compagni il 29 agosto, il tour viene cancellato perché questa volta è Noel a perdere la pazienza.

Nel maggio 2000 Liam si lascia andare ad un commento sprezzante nei confronti dell’allora moglie di Noel, Meg Mathews, e mette in dubbio la paternità della figlia Anais, provocando una colluttazione a seguito del quale Noel decide di abbandonare il gruppo. Il 28 agosto 2009, a tre date dalla conclusione della tournée mondiale di supporto all’album Dig Out Your Soul, Noel Gallagher lascia la band dopo un violento litigio con Liam sul palco del festival Rock en Seine di Parigi.

LEGGI ANCHE: ELEONORA ABBAGNATO ACCUSATA DALL’RSU DELL’OPERA DI ROMA

Gli ultimi trascorsi tra Liam e Noel Gallagher

Dopo un timido riavvicinamento su Twitter nel Natale del 2017, si ricomincia daccapo, con Noel più inviperito che mai in un’intervista al The Guardian, rilasciata in occasione dell’uscita di This Is the Place, il secondo dei tre EP che il cantante pubblicherà entro la fine dell’anno.

“Le interviste sono un rischio professionale, si creano delle situazioni così strane. Per esempio quando un ragazzo di Stoccolma che non hai mai visto in vita tua ti chiede di tua madre e l’unica risposta sincera che ti viene in mente è: ‘Ma cosa te ne importa? Le ho voluto bene fino a quando non ha dato alla luce Liam’ “. Un’affermazione gravissima, ma motivata da un gesto compiuto dal fratello nel  Luglio scorso.

Nel mese di luglio, infatti, il cantante di Manchester ha postato degli screenshot che mostravano dei messaggi aggressivi inviati da Liam alla figlia Anaïs, di appena 19 anni. “Non è la prima volta che ha mandato dei messaggi a mia figlia o che ha minacciato mia moglie. Se fosse una persona normale e non una rockstar, la polizia sarebbe già andata a casa sua ma, dato che è una rockstar, la passa liscia”, insiste Noel. “Soprattutto se inizi a contattare i miei figli e lasci che mia moglie venga bullizzata sui social media, costretta a chiudere il suo profilo Instagram per la merda che hai gettato su di lei e mia figlia”.

Liam e Noel Gallagher non si vedono da tre anni, da quando il Manchester City ha vinto il campionato: “Ogni volta che lo vedo è chiaro che stia per pisciarsi nei pantaloni”. I suoi album non li ascolta, “perché non sopporto la sua voce”: la sua è una musica “non sofisticata realizzata da un uomo poco sofisticato per persone non sofisticate”. I cantautori che lavorono al suo fianco, per Noel, si impegnano a ricreare le atmosfere invocate dagli Oasis, “ma le loro parole riguardavano l’inclusione della gente, tutta insieme. Quello che sento in lui è solo un carico di bile… sciocchezze arrabbiate”.