Uomini e Donne: Raffaella Mennoia promette sorprese

Uomini e Donne, Raffaella Mennoia promette sorprese per la prossima stagione

Raffaella Mennoia, autrice di spicco del programma ‘Uomini e Donne‘ in onda su Canale 5, su Instagram ha fatto infervorare i fan con un messaggio che promette sorprese. Ecco le sue parole: “Buona vacanze a tutti voi che mi seguite…vi auguro un’estate piena di sorrisi di sole e di luce..riposatevi divertitevi ma specialmente godetevi chi vi ama chi vi vuole bene perché conta solo quello..vi auguro il meglio perché voi lo fate con me ed io non so come ringraziarvi per tutto L affetto che mi dimostrate..❤️🙏 @solwearswomen @giulialucariniph @arturovermigliomua @narsissist..#family #love #lux #cia ps a settembre vi prometto tante soddisfazioni per me e per voi..ah ho inserito un nuovo filtro di Instagram che cancella messaggi di markette di fake e haters e chi porta solo cattiveria e di poveri stronzi senza vita..se non vi rispondo è solo perché non siete degni semplici miracolati cià”.

Uomini e Donne, Mario Serpa contro Sperti e la Mennoia

All’interno di Uomini e Donne c’è stato un duro attacco di Mario Serpa, ex corteggiatore del primo Trono Gay di U&D e opinionista delle ultime edizioni del Trono Classico, a Gianni Sperti e Raffaella Mennoia.

L’uomo a suo tempo fu scelto dal tronista Claudio Sona, la relazione però terminò dopo poco fra alti e bassi. Quest’ultimo fu accusato nel frattempo dall’ex fidanzato Juan Fran Sierra di stare ancora con lui durante il programma.

Diverse segnalazioni al programma non hanno però fatto sì che si incrinassero i rapporti tra il tronista e alcuni membri dello staff, a dimostrarlo anche una vacanza a Formentera insieme.

Serpa vs Sperti Mennoia, i dibattito a colpi di…Instagram

Serpa, incollerito, su Instagram ha aperto un botta e risposta con la Mennoia e con Sperti. Ecco il primo messaggio dell’ex opinionista (ha lasciato il programma): “Questo conferma lo schifo che c’è stato e che continua a esserci dietro tutto”.

Non si è fatta attendere la risposta della famosa autrice: “Ti vorrei informare che il ‘Sola’ come lo chiami tu ha ampiamente dimostrato che non era fidanzato durante il trono. Se poi te vuoi sostenere il contrario sarò molto interessata ad ascoltarti. Per il resto le chiacchiere e le illazioni, le finte segnalazioni, le fake news con me non funzionano. E quindi se la redazione decide di condividere la propria vita con Claudio fa bene a farlo”.

Ancora Serpa: “Due paroline desidero dirtele, cara Raffaella Mennoia, anche se comprendo la necessità di dover proteggere l’immagine del primo trono gay. Non credo tu sia nella posizione di poter raccontare castronerie e, in nome della verità, sarebbe meglio tacere o lasciare esporre solo i diretti interessati. Detto questo , come ognuno è libero di farsi le vacanze con chi vuole, è libero pure di raccontare di prove, dimostrazioni e bla, bla, bla… beh io racconto la mia di verità e tutti sappiamo qual è stata”.

La Mennoia ha poi lanciato un messaggio, nell’ultimo post di cui sopra vi abbiamo parlato, velato ma durissimo: “Ho inserito un nuovo filtro di Instagram che cancella messaggi di markette, di fake e haters e chi porta solo cattiveria e di poveri stro*** senza vita. Se non vi rispondo è solo perché non siete degni, semplici miracolati”.

E’ a questo punto che Mario Serpa ha poi coinvolto Gianni Sperti: “Guarda sarò breve e conciso perché vedo che hai delle difficoltà (quindi non mi va di sparare sulla croce rossa) informati meglio… e se ti guardi intorno motivi per dire “boooh” ne hai tanti. (A settembre il fortunato sarà Gianni o Jack). P.s: io non ho dato dello schifoso a nessuno, ho solo voluto mettere i puntini sulle I su un commento che mi è arrivato. Avete la faccia come il cu**. Io sono annoiato da tutte questa situazione che non ho creato IO. #pensavo #scagnozzi”.

Gianni Sperti è stato breve e conciso nel chiudere la questione: “Quando si parla o si scrive qualcosa, il modo con cui lo si fa evidenzia molta frustrazione personale”.

Ci saranno altri botta e risposta? I fan di sicuro sperano che la questione non finisca qui.

M.D.G