Tav, oggi il voto al Senato: favorevoli e contrari alla Torino-Lione

Tav, il risultato del voto al Senato: contrari e favorevoli

Oggi c’è stato lo scontro finale, come riporta il Fatto Quotidiano, al Senato per la Tav. Il risultato è stato di 4 a 1 in favore della costruzione della Torino-Lione. L’unico documento contrario è stato quello del Movimento 5 Stelle. Si è creato dunque un vero e proprio sdoppiamento tra due fazioni della maggioranza (Lega e M5S) che sostengono il governo Conte.

Il capogruppo del Carroccio, Massimiliano Romeo, ha anche attaccanto i grillini: “Potremmo condividere la questione identitaria ma se fate parte del governo e il presidente del Consiglio ha detto sì, dovete essere a favore della Tav, non ci sono alternative. Su un tema così importante avere due partiti di maggioranza, uno che vota in un modo e l’altro in un altro, pone sul tavolo una questione politica chiara e evidente: chi vota no alla Tav si prenderà la responsabilità politica delle scelte che seguiranno nei prossimi giorni e mesi”.

Il blocco contro la Tav era formato da tutti i senatori grillini, quelli di Leu, più Tommaso Cerno del PD. Quest’ultimo è stato molto critico con i suoi: “Sono in dissenso col mio gruppo. Ho formato la mozione del M5s perché chiede al parlamento di agire per tentare di evitare all’ultimo momento uno spreco colossale di denaro. Al Pd dico, ripensateci finché siete in tempo, state facendo un errore madornale”. La mozione dei grillini ha ottenuto 110.

Il blocco a favore della Tav  invece era composto da senatori della Lega, del Pd, di Forza Italia, di Fratelli d’Italia e da Emma Bonino. Quattro le mozioni a favore della Tav approvate da Palazzo Madama. Quella del Pd è passata con 180 sì, quella della leader radicale ha ottenuto 181 voti, quella di Fdi è passata con 181 sì, mentre quella di Fi I ha preso un voto in più, ottenendo 182 punti a favore.

Tav, l’attacco del Movimento 5 Stelle alla Lega

Il commento del Movimento 5 Stelle non si è fatto di certo attendere. Il testo del post pubblicato sull’account Facebook ufficiale del partito è stato: “L’inciucio è servito”, in riferimento soprattutto al sostegno da parte della Lega alla mozione del Partito Democratico. Prima dell’inizio della seduta nell’aula di Palazzo Madama, questi ultimi hanno anche modificato il testo del documento elidendo gli attacchi al governo e concentrandosi solo su due righe secche sul sostegno all’opera.

Questo il commento del senatore 5Stelle Agostino Santillo: “Abbiamo portato il Tav in Parlamento e sono venuti allo scoperto! Ma la cosa più ridicola è che la Lega li sostiene dopo che il Pd ha presentato una mozione di sfiducia su Salvini. L’inciucio è servito! Aprite gli occhi”. Airola fa eco: “Il Pd non finisce mai di stupire, sfiducia Salvini alla Camera e al Senato riscrive la mozione sulla Tav per andare incontro alla Lega”.

Leggi anche—> ADDIO AL BONUS RENZI DI 80 EURO, VERRANNO INTRODOTTE DETRAZIONI FISCALI

M.D.G