Terremoto nel Cosentino, solo tanta paura per la popolazione

Nel pomeriggio di oggi, 7 agosto, una scossa di terremoto ha colpito la zona tra Cosenza e Rende. Tanta paura ma nessun effetto reale.

Scossa di terremoto nel pomeriggio di oggi nel Cosentino, tra il capoluogo e Rende. Poco dopo le 16, un sisma classificato con magnitudo 2,6 dall’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia. Non violento, quindi, ma certamente in grado di terrorizzare la popolazione locale.

L’epicentro del terremoto è stato individuato a 4 km da Castiglione Cosentino, in provincia di Cosenza (l’ipocentro invece è a 10 km di profondità). Tra i Comuni interessanti, i due più grandi sono Cosenza e Rende. Ma anche anche Castrolibero,Zumpano, San Pietro in Guarano, Marano Marchesato, Lappano. E ancora Montalto Uffugo, Mendicino, Spezzano della Sila, Marano Principato, San Vincenzo La Costa, Rose, Rovito, San Fili, Cerisano, Celico, Trenta, Carolei e Casole Bruzio.

Al momento comunque non sono stati segnalati danni a persone o cose nonostante quella sia una zona ad alta densità abitativa. Ancora di più durante l’anno visto che Cosenza è pure città universitaria.

Leggi anche:  Terremoto: scossa questa mattina alle porte di Catanzaro

Terremoto nel Cosentino, le reazioni della popolazione

Come spesso succede, la notizia del terrremoto nel Cosentino ha cominciato a circolare immediatamente sui social. E sono state molte le testimonianze di quelli che hanno avvertito il sisma, sospese tra paura e ironia.

“Sì sì adesso ci sarà il sapientone che ci dirà che è stato un aereo che ha superato la barriera del suono”, si legge in un commento. Oppure ancora: “Io abito a Rende, ho sentito un botto fortissimo come se fosse scoppiato qualcosa dietro casa. Subito ho sentito come se mi mancasse il pavimento sotto i piedi ed ho capito…Ho preso le mie bimbe ed ho fatto la scala esterna per andare sotto casa”. E c’è chi ha detto di essere stato svegliato nel sonno (“ha mosso il letto con me sopra”), forse alle prese con un riposino pomeridiano.

Sono molte però anche le parole di chi ha cercato di minimizzare. “Ma quale forte scossa?????? 2.6 forte scossa??? Non state bene!!” scrive un utente di Facebook. “Non è forte, anche se la percezione è sempre di paura. Usiamo un po’ di realismo”, spiega un altro.

Per buttarla sul ridere c’ anche chi ha fatto ironia sul Presidente della Provincia e sindaco di Cosenza, Mario Occhiuto, Oppure chi ancora ha sperato che fossero solo botti per i nuovi acquisti del Coienza che giocherà di ancora in Serie B.

La Calabria comunque si conferma terra ballerina, visto che solo pochi giorni fa una scossa era stata avvertita in provincia di Catanzaro.