Studentessa non può affittare stanze perché ha selfie con Salvini. Questa l’ultima vicenda che ha per protagonista il Primo Ministro e numero uno della Lega.

Una studentessa non ha potuto affittare una stanza a Roma perché ha un selfie con Salvini. Il proprietario della stanza che era interessata ad affittare, infatti, le ha risposto su Facebook che a persone come lei non affitta stanze. Di seguito lo scambio di messaggi tra la 19enne Alessandra M.G. ed il proprietario della camera in affitto, riportate da Leggo.

Studentessa non può affittare camera perché ha un selfie con Salvini

“Salve, sì la stanza è ancora disponibile. Tuttavia, non è disponibile per chi simpatizza, patteggia e si fa selfie con chi è felice di gettare gente in mare. Se cercate casa a Roma, vi consiglio di evitare di pubblicare selfie del cazzo, o quantomeno di cambiare le impostazioni e renderli visibili soltanto a parenti o amici o anche solo a se stessi, giusto per avere ancora quella dorma di misero compiacimento per essersi scattati un selfie con un Vip del momento, per un ridicolo secondo di celebrità su Facebook, in cui gli amici possano mettere like, wow, yeah, figo, uhhh Salvini, mentre si ricontrolla con un’isterica dipendenza ogni cinque minuti la presenza di nuovi like. Certo poi l’ideale sarebbe rendersi conto e pesare le proprie azioni, pensare alle conseguenze, al significato di un post, all’immagine che diamo di noi, a cosa stiamo facendo. Nell’attesa che l’ubriacatura passi, buona giornata”.

LEGGI ANCHE —> Salvini minaccia Open Arms: “Pronto a firmare tutto!”

La risposta della ragazza

“Chiedo scusa ci conosciamo? Cosa la fa sentire autorizzata ad offendermi così gratuitamente, solo per una fotografia. Fare una foto con il primo ministro fa di me una persona cattiva? Fa di me una persona inaffidabile? Le sa cosa faccio io nella vita al punto da precludermi la possibilità di affittare una stanza da lei? Io sono allibita. La vita non è politica. Al di fuori dei nostri ideali ci dovremmo rispettare. Io mai la offenderei perché sta dalla parte di chi somministrava scariche elettriche a minorenni indifesi. Detto questo, si faccia vedere da uno bravo, perché con questo messaggio mostra solo una grande insofferenza e insoddisfazione. Una buona giornata a lei”.