In Paraguay si grida al miracolo, un’ostia diventa petali di rosa

Sua Santità Papa Francesco ha specificato che il Sinodo sull’Amazzonia che si terrà ad ottobre in Vaticano «è “figlio” della “Laudato si’”», che è «un’enciclica sociale, che si basa su una realtà “verde”, la custodia del Creato». Secondo le intenzioni del Pontefice, sperando che non siano tradite da certi partecipanti, il Sinodo nascerà «dalla Chiesa e avrà missione e dimensione evangelizzatrici. Sarà un lavoro di comunione guidato dallo Spirito Santo». Papa Francesco ha anche spiegato che l’Amazzonia «coinvolge nove Stati, dunque non riguarda una sola nazione».

LEGGI ANCHE: PAPA FRANCESCO: “ATTENZIONE AI SOVRANISTI, PARLANO COME HITLER”

Paraguay, si grida al miracolo

E proprio in una di queste nazioni coinvolte, in Paraguay, è accaduto un fatto che ha lasciato molti di stucco e altri hanno subito collegato l’evento “miracoloso” proprio al Sinodo sull’Amazzonia.

Pedro Juan Caballero è una città situata al confine con lo stato brasiliano di Mato Grosso do Sul. Dista 536 km dalla capitale del Paraguay, Asunción. La città che conta circa 65 mila abitanti (88 mila nel suo distretto), ha al suo interno numerose comunità indigene di etnia Páî Tavyterâ.

Proprio in questa cittadina si è verificato un apparente miracolo eucaristico. Un’ostia consacrata si è trasformato in petali di rosa e ha emanato un liquido che, si dice, profuma di rose. Il liquido è acquoso, ma ha un colore rossastro, che ricorda il sangue.

Il sacerdote che ha assistito a questo apparente miracolo eucaristico presso la comunità di Pedro Juan Caballero è il padre Gustavo Palacios. Il prete era stato informato che era accaduto qualcosa di strano con una particola che si trovava ospite in una piccola casa dove, da tempo, c’è un cenacolo di preghiera.

Quando padre Gustavo Palacios è arrivato in casa ed ha aperto la teca porta-eucaristia che conteneva l’ostia consacrata (quelle teche dal diametro di circa 20 cm che si usano per portare la Santa Comunione agli ammalati) un liquido è cominciato a scorrere attraverso la sua mano, senza che il reliquiario avesse alcun buco attraverso il quale potesse uscire.

Quando, stupito, ha aperto la teca eucaristica, ha potuto osservare che quella che era stata una bianca ostia consacrata era diventata una specie di petalo, completamente rosso, ed emetteva un liquido che emanava un profumo di rose. Lo stesso liquido che era caduto sulle mani del sacerdote mentre la piccola pisside era ancora chiusa.