Pogba, il fratello: “Vuole lasciare il Manchester United per il Real Madrid”

Paul Pogba-Real Madrid, il fratello del fuoriclasse francese rilancia. Intervenuto in diretta in Spagna, l’altro calciatore esce allo scoperto: “Paul vuole lasciare il Manchester United, tutto possibile fino al 2 settembre”

Paul Pogba e il Real Madrid, pista ancora aperta. A rilanciare è direttamente il fratello del fuoriclasse francese, intervenuto a ‘El Chiringuito Tv’, con dichiarazioni roboanti: ” Sappiamo tutti che Paul vuole trasferirsi e sta aspettando”, annuncia infatti il calciatore attualmente in Spagna.

Pogba-Real Madrid, il fratello rilancia

E ancora: “Lavora sodo e vedremo cosa succede. Fino al 2 settembre può succedere di tutto. Florentino Perez può ancora acquistarlo, sì. Niente è impossibile. A Zidane manca un giocatore come mio fratello Paul ed effettivamente ha bisogno di un centrocampista. Senza, farà fatica. La valutazione di 200 milioni di euro? Non vale tutto questo, ma ora il mondo è così. Non credo che lo United chieda tutti questi soldi, ma al momento manca ancora il sì del presidente”. 

La voglia di andare a Madrid è enorme, ma Mathias Pogba esclude categoricamente un comportamento alla Neymar in caso estremo. Non ci sarà alcuna forzatura nell’eventualità di nuovo muro britannico: “No, lo escludiamo categoricamente. Pogba è un professionista, ha un contratto col club e lo rispetterà e darà il massimo finché non ne firmerà un altro. Il suo sogno resta quello di vincere la Champions League, che sia a Manchester o altrove”. 

Infine c’è spazio anche a un commento sul pessimo rapporto tra Pogba e l’ex allenatore José Mourinho, lì dove ha avuto inizio la discesa del 26enne con la maglia dei Reds: “Se un allenatore non è dalla parte dei suoi giocatori, questi non devono stare dalla sua parte. Mourinho non era con la squadra e il gruppo si è comportato di conseguenza non era con lui. I migliori allenatori al mondo? Klopp, Guardiola e Zidane”.

 

P.C.

 

Leggi anche: Coni, Malagò: “Tokyo 2020 e Milano-Cortina 2026 sono a rischio”