Ischia, lapidato a morte: il piccolo coniglio vittima di una scommessa

Coniglio ucciso ad Ischia. Gruppo di ragazzi, lapidano il piccolo Roger

Terribile accaduto sull’isola del Golfo di Napoli. Un gruppo di ragazzi arrivati sull’Isola di Ischia a bordo di uno yacht, per un motivo del tutto ignoto, hanno lapidato e ucciso un piccolo coniglietto. Roger era il nome della piccola mascotte che il giorno di Ferragosto è stato vittima di uno stupidissimo gioco tra ragazzi. “Chi lo uccide per primo prendendolo a sassate?” è stata questa la scommessa fatta tra i ragazzi a discapito del piccolo coniglio.

“Roger è morto con la schiena spezzata – si legge nella denuncia -. Lapidato per divertimento anche davanti ad alcuni bambini. Animalisti Italiani sporgerà denuncia per maltrattamento e uccisione di animale al momento contro ignoti”. Questo il post condiviso su Facebook dal gruppo di Animalisti Italiani, con foto ricordo del piccolo animale.

LEGGI ANCHE: CRUCIANI FA INFURIARE GLI ANIMALISTI: “ECCO I MIEI AGNELLINI…” – FOTO

FERRAGOSTO CONIGLIO LAPIDATO A ISCHIA Roger, era stato chiamato così, un coniglio che da qualche settimana viveva sulla…

Pubblicato da Animalisti Italiani su Sabato 17 agosto 2019

La reazione del popolo campano sul coniglio ucciso ad Ischia

“Alcuni volontari, ogni giorno – dice Francesco Emilio Borrelli – portavano a Roger, il nome che gli abitanti locali gli avevano dato, il cibo e tanti bambini si divertivano a guardare lui e gli altri due esemplari che vivevano lì. Ma qualche balordo annoiato ha stroncato la sua vita. Si tratta, come ci hanno segnalato, di visitatori arrivati in spiaggia via mare. Per divertimento hanno scommesso su chi riuscisse a centrare Roger. Il coniglio, diventato bersaglio, è stato ucciso a sassate, come riporta anche il quotidiano ischitano Il Golfo, prima che gli altri bagnanti si accorgessero di cosa stesse accadendo e fermassero i cialtroni. Troppo tardi purtroppo”.

“Una cosa inaccettabile e vergognosa. Non si può assassinare un animale per divertimento. Ci siamo subito attivati – fa sapere il consigliere regionale – per cercare di identificare questi balordi e denunciarli alle autorità. Non devono assolutamente passarla liscia. Chi ammazza un animale per goliardia è un brutale criminale”.

“La sassaiola al coniglio Roger è condannabile – spiega il professor Luigi Esposito, docente di Gestione delle risorse faunistiche alla Federico II – per la negazione al diritto all’esistenza, per la violenza dell’atto che viene chiaramente condannato dal nostro Codice Penale, per l’aggravante diseducativa che ha trasmesso ai minori presenti un messaggio di violenza tollerabile, sminuendo, di fatto, la gravità dell’azione”