Di Natale: “Sogno l’Udinese, Sanchez è immarcabile”

Di Natale ha dato la propria opinione sul possibile ritorno di un suo ex compagno. Pare proprio, infatti, che i nerazzurri dell’Inter stiano per mettere sotto contratto Alexis Sanchez del Manchester United. 

Antonio Di Natale ha parlato del suo futuro e non solo. Il tecnico, infatti, ha anche detto la sua sulla voce di calciomercato più calda di queste ore: il ritorno di Alexis Sanchez. L’attaccante cileno sembrerebbe ad un passo dall’Inter, che vuole fare un attacco a due con gli ex Manchester United. Di Natale ha giocato a lungo con Sanchez, prima che questi andasse a Barcellona. Ecco il suo pensiero ai microfoni de La Gazzetta dello Sport.

LEGGI ANCHE —> UFFICIALE, colpo da 120 milioni per il Bayern Monaco

Di Natale su Sanchez ed il suo futuro da allenatore

“Sanchez all’Inter una scommessa per lui o per il club? Direi per entrambi. E la vinceranno insieme. Alexis è un professionista esemplare, uno che arrivava sempre con grande anticipo agli allenamenti e che in campo non si è mai risparmiato. Torna in Italia dove ha lasciato un bellissimo ricordo di sé e lo fa per espressa volontà di un grande allenatore come Conte, che lo voleva già ai tempi della Juve, quando Alexis giocava con me a Udine. Ci sono tutti gli ingredienti per una grande stagione. Ha bisogno di fiducia e Conte lo conosce bene: sono certo che farà benissimo. 

I suoi ultimi mesi non brillanti? Credo abbia avuto qualche problema fisico e di sicuro un ambientamento difficile. Sanchez è un calciatore che ha bisogno di giocare con continuità e sentirsi importante per rendere al massimo. Al Manchester questo non è successo, ma è impossibile mettere in discussione il suo talento.

Dal 3-5-2 di Guidolin a quello di Conte? Beh, con quel sistema di gioco è diventato un giocatore decisivo e avere accanto un gigante come Lukaku lo aiuterà a ritrovarsi in fretta. Alexis da seconda punta diventa immarcabile con la sua potenza in velocità. E poi vede la porta come un vero centravanti: vedrete, farà tanti gol.

Io che allenatore sono? Dopo l’esperienza da vice di Pasquale Marino ho deciso di voler provare a “camminare” da solo, ho sempre desiderato di poter allenare i ragazzi ed aiutarli a crescere. E ringrazio lo Spezia per avermi scelto per allenare la Under 17. In settimana sfidiamo l’Entella in amichevole, poi avremo un torneo a Livorno per prepararci in vista del via del campionato. Sarà un debutto col botto, subito contro la Sampdoria.

Il mio sogno? Chiaramente il sogno è di tornare all’Udinese da allenatore: sarò sempre legatissimo alla famiglia Pozzo e ai tifosi bianconeri. E sarebbe fantastico tornare lì dove ho fatto la storia da giocatore per provare a riscriverla anche da tecnico”.